Una forma frisone e franca di impressionismo o “pittori di nuvole e artisti della luce” nel Regno Unito dei Paesi Bassi sotto costrizione

Un quadro straordinario di George Hendrik Breitner è esposto nella mostra "Nuvole e luce. L'impressionismo in Olanda" al Museo Barberini. © Münzenberg Medien, fotografo: Stefan Pribnow, luogo e data della fotografia: Potsdam, 21 luglio 2023

Potsdam, Berlino, Germania (Weltexpress). Che gli abitanti del (forzato) Regno Unito dei Paesi Bassi siano “di sangue tedesco”, come cantano alcuni, è sbagliato. Questo regno, noto anche come Koninkrijk der Nederlanden, comprende anche colonie, non solo è stato ripopolato da anni, ma da decenni.

Quando si parla di sangue tedesco, si intende soprattutto Franchi e Frisoni oltre che Sassonia, ma anche Wilhelm von Nassau. È un tedesco come milioni di cittadini del (forzato) Regno Unito dei Paesi Bassi, che lo vogliano o no, perché i sei grandi popoli tedeschi, detti anche vecchie tribù, non comprendono solo Turingi, Bavaresi e Svevi, ma anche Sassoni, Franconi e Frisoni, per non parlare delle nuove tribù.

Le immagini di Anton Mauve sono esposte nella mostra “Nuvole e luce. Impressionismo in Olanda” al Museo Barberini. © Münzenberg Medien, foto: Stefan Pribnow, Potsdam, 21 luglio 2023

Guglielmo d’Orange, nato a Dillenburg nel Westerwald, combatté con i suoi sudditi contro la cosiddetta corona spagnola. Ecco perché il Wilhelms-Lieg, chiamato anche Het Wilhelmus, è ancora sano oggi. È anche considerato il più antico “inno nazionale” del mondo, anche se fu la regina Wilhelmina, figlia di Wilhelm Alexander Paul Friedrich Ludwig von Oranien-Nassau e Emma Wilhelmina Theresia zu Waldeck und Pyrmont, cioè tutto tedesco, a dichiarare questa canzone il “inno nazionale” nel 1932 . Il canto e la gente di queste terre basse avanti e indietro, le nuvole e la luce sono ovunque.

Dall’8 luglio 2023, chiunque cerchi immagini di questo può trovarle nel Museo Barberini Potsdam, dove probabilmente si sa meno dei tedeschi che degli “Old Dutchmen” che vi sono esposti, tra cui George Hendrik Breitner, Isaac Israëls e Willem Witsen. I tre sono anche considerati i rappresentanti più importanti degli impressionisti di Amsterdam.

Un dipinto speciale di Willem Bastiaan Tholen è esposto nella mostra “Nuvole e luce. Impressionismo in Olanda” al Museo Barberini. Cerca i signori nell’angolo in basso a sinistra. © Münzenberg Medien, foto: Stefan Pribnow, Potsdam, 21 luglio 2023

La mostra al Museo Barberini si intitola “Nuvole e Luce. Impressionismo in Olanda”. Su due piani sono esposte circa 100 opere di circa 40 artisti, tra cui “opere chiave di Johan Barthold Jongkind, Vincent van Gogh, Jacoba van Heemskerck e Piet Mondrian. I finanziatori includono il Rijksmuseum e lo Stedelijk Museum di Amsterdam, il Kunstmuseum Den Haag, il Dordrechts Museum, il Kröller Müller Museum di Otterlo e il Singer Museum di Laren. Si informa inoltre che le intuizioni sullo “sviluppo dell’arte olandese tra il 1840 e il 1910” sono ridotte. Tuttavia, “la collezione Hasso Plattner nel Museo Barberini … conterrebbe due dei dipinti di Monet di questo soggiorno”. “Mostrano colori intensi e uno stile pittorico potente e compatto che è insolito per i primi lavori di Monet.” I soldi di Hasso Plattner rendono possibile la mostra di queste immagini e molto altro. I visitatori possono attualmente aspettarsi prestiti dal “Rijksmuseum, dallo Stedelijk Museum o dal Kunstmuseum Den Haag”, il che significa che “la mostra offrirebbe un panorama di spicco dei pittori di nuvole e degli artisti della luce olandesi”, come afferma Ortrud Westheider, direttrice del Museo Barberini, probabilmente detto dava. Sono incluse anche opere del Dordrechts Museum, del Kröller Müller Museum di Otterlo e del Singer Museum di Laren.

Le opere chiave di Johan Barthold Jongkind, Vincent van Gogh, Jacoba van Heemskerck e Piet Mondrian sono visibili al Museo Barberini fino al 22 ottobre 2023, per non parlare delle forme di impressionismo frisone e francone.

Previous articleCome si fa a vendere agli sciocchi di questo mondo un libro sulla tossicità della terapia genica modRNA SARS-CoV-2 di Big Pharma?
Next articleDoppio incontro al vertice di San Francisco – APEC e USA-Cina

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

2 + six =