Doppio incontro al vertice di San Francisco – APEC e USA-Cina

Uno sguardo ai grattacieli di San Francisco. Fonte: Pixabay, foto: David Mark, didascalia: Stefan Pribnow

Berlino, Germania (Weltexpress). Venerdì 17 novembre si è concluso il vertice della Cooperazione Economica Asia-Pacifico (APEC) a San Francisco, in California. Si tratta di un’organizzazione internazionale che si è posta l’obiettivo di istituire una zona di libero scambio nella regione del Pacifico per ottenere vantaggi economici reciproci e promuovere la prosperità in questa regione del mondo. Quasi la metà della popolazione mondiale vive nei 21 Stati membri dell’APEC.

Lo speciale vertice bilaterale USA-Cina, un giorno prima del vertice APEC, era particolarmente atteso. Su richiesta dei cinesi, si è tenuto in una località a 40 chilometri a sud di San Francisco, sufficientemente lontana dalla sede del vertice APEC per conferirgli lo speciale status diplomatico e simbolico richiesto dai cinesi.

Il vertice speciale USA-Cina tra i presidenti Xi Jinping e Joe Biden era stato organizzato su ripetuta e sempre più pressante insistenza di Washington. Ma dopo i forti calci negli stinchi inferti dall’amministrazione Biden negli ultimi anni, è stato difficile per gli emissari statunitensi convincere i cinesi del senso e dello scopo di rivitalizzare le relazioni quasi del tutto morte con Washington sotto l’attuale amministrazione americana.

Il presidente Biden è entrato in carica promettendo di riparare le relazioni con la Cina già danneggiate dal suo predecessore Donald Trump. Ma una volta al potere, lui e i membri della sua amministrazione hanno fatto di tutto per mandare le relazioni con Pechino completamente all’aria: dai bruschi rifiuti diplomatici ai brutti insulti del presidente americano Biden, che ha personalmente etichettato Xi come dittatore.

A ciò si è aggiunto l’inasprimento di tutte le possibili sanzioni statunitensi contro la Cina, accompagnato da una retorica militarista e conflittuale da parte dei principali membri del governo statunitense. Questa retorica bellica è stata a sua volta accompagnata da crescenti provocazioni politiche e militari nello Stretto di Taiwan e nel Mar Cinese Meridionale. Tutto ciò è stato fortemente sostenuto dalle lobby dell’industria della difesa statunitense con il supporto dei media e l’agitazione anti-cinese. Soprattutto con le nuove e massicce forniture di armi statunitensi a Taiwan, l’amministrazione Biden ha probabilmente già superato una delle linee rosse di Pechino.

Un orientamento politico statunitense completamente diverso è emerso chiaramente a margine dell’incontro APEC di San Francisco. I potenti circoli economici statunitensi, contro i quali persino l’industria della difesa americana potrebbe fare ben poco, hanno dimostrato in modo spettacolare di non essere più d’accordo con l’orientamento anti-cinese del regime di Biden. (Per saperne di più).

È probabile che anche la visita di quattro giorni del Segretario al Tesoro statunitense Janet Yellen in Cina all’inizio di luglio di quest’anno sia avvenuta su pressione di questi ambienti economici. Durante la sua visita a Pechino, che si è discostata completamente dalla precedente linea di condotta politicamente conflittuale del regime di Biden, la Yellen non ha perso l’occasione di stringere rapporti con i cinesi. Il fatto che, dall’inizio di quest’anno, i cinesi abbiano iniziato a vendere i titoli di Stato americani su una scala senza precedenti e, in cambio, ad acquistare oro e a stoccarlo nel proprio Paese per coprire le proprie ambizioni di politica monetaria globale, potrebbe aver avuto qualcosa a che fare con la visita della Yellen.

Al suo ritorno, la Yellen ha riassunto i risultati dei suoi colloqui a Pechino come segue: Le “differenze di opinione” rimangono, ma in futuro entrambe le nazioni vogliono concentrarsi di nuovo sullo scambio reciproco.

Dopo il discorso di apertura della Yellen, i membri di alto e medio livello del governo statunitense si sono incontrati uno dopo l’altro a Pechino. Tutti hanno espresso lo stesso desiderio di rimettere in moto i colloqui con Pechino, dopo aver fatto tanto per bloccarli negli ultimi anni. L’incontro tra Xi e Biden a margine del vertice APEC doveva rendere il riavvicinamento ben visibile al mondo intero e completarlo dal punto di vista diplomatico.

Gli Stati Uniti, e in particolare il Segretario di Stato americano Antony Blinken, che è stato l’ultimo a recarsi a Pechino, hanno dovuto lavorare sodo per convincere i cinesi che il regime di Biden era ancora adatto agli affari, nonostante tutte le promesse e gli impegni non mantenuti nei confronti della Cina in passato, come i “Cinque No”, a cui Xi ha fatto ampio riferimento nel suo discorso ai presidenti APEC riuniti a San Francisco.

Xi ha sottolineato che gli Stati Uniti devono adottare misure credibili per

  • rispettare il “principio di una sola Cina” (ovvero che Taiwan non è uno Stato indipendente ma parte della Repubblica Popolare Cinese),
  • rispettare rigorosamente le disposizioni dei tre comunicati congiunti tra Cina e Stati Uniti,
  • onorare l’impegno dei “Cinque No” assunto dalla leadership statunitense (cioè non cercare una “nuova guerra fredda”),
  • non cercare un conflitto con la Cina
  • non cercare di cambiare il sistema cinese, cioè non tentare una destabilizzazione alla “rivoluzione dei colori”,
  • non fare nulla per rivolgere contro la Cina la rivitalizzazione delle alleanze statunitensi nella regione,
  • non sostenere l'”indipendenza di Taiwan”.

Le amministrazioni statunitensi si sono impegnate a rispettare questi “cinque no” negli accordi bilaterali con la Cina nel corso di molti negoziati negli ultimi decenni. Dopo aver ricordato all’amministrazione Biden gli impegni ignorati o disattesi di fronte ai presidenti e ai capi di governo riuniti al vertice APEC, Xi ha sottolineato il suo monito a Washington di smettere di “imboccare la strada sbagliata e pericolosa”, poiché non solo gli Stati Uniti e la Cina, ma l’intera comunità globale non può permettersi le conseguenze.

Al vertice APEC, Xi ha anche sottolineato che la competizione (sistemica) tra Stati Uniti e Cina non dovrebbe essere la tendenza dominante di oggi, poiché non potrebbe risolvere i problemi che la Cina, gli Stati Uniti e il mondo intero devono affrontare. Il Presidente cinese ha aggiunto che il successo di un Paese è un’opportunità per l’altro. In questo modo, ha espresso la sua ferma fiducia nel promettente futuro delle relazioni tra Cina e Stati Uniti.

Ma il vertice APEC non era ancora finito quando il Presidente Biden si è messo ancora una volta i piedi in bocca. Durante la conferenza stampa, alla domanda se considerasse ancora Xi un dittatore, ha risposto affermativamente e ha ribadito la sua precedente affermazione etichettando nuovamente Xi come dittatore, suscitando una forte reazione da parte di Pechino. La già scarsa fiducia della leadership cinese negli accordi e nelle promesse fatte dai governi statunitensi è stata solo rafforzata da questo episodio.

L’atmosfera a margine del vertice USA-Cina era completamente diversa: i rappresentanti dei più potenti circoli economici e delle aziende statunitensi avevano organizzato una cena di gala in onore di Xi nell’ambito del Consiglio degli affari USA-Cina, della Camera di commercio e dell’influente think tank politico Council for Foreign Relations.

Tra gli sponsor presenti alla cena di gala c’erano anche i vertici di Apple, BlackRock, Blackstone, Boeing, Broadcom, Citadel, Citi, FedEx, Gilead, Honeywell, KKR, MasterCard, Nike, Pepsi, Pfizer, P&G, Qualcomm, Thermo Fisher e Visa – per citare i più importanti. Una schermata dell’elenco completo degli sponsor si trova alla fine dell’articolo.

A questo punto ci viene in mente Kurt Tucholsky e la sua descrizione dei politici di governo: “Pensano di avere il potere, ma forniscono solo il governo”. (Per i veri potenti).

La cena festosa che i potenti degli Stati Uniti hanno offerto a Xi a San Francisco e le discussioni che si sono svolte a margine dicono molto di più sullo stato attuale e sul futuro delle relazioni tra Cina e Stati Uniti che non l’incontro di Xi con Biden e Blinken. Anche secondo i media statunitensi, quest’ultimo non ha fatto nulla di significativo per migliorare le relazioni bilaterali.

Quel poco di miglioramento che c’è stato nelle relazioni tra Stati Uniti e Cina durante il vertice Xi-Biden, a parte alcuni aspetti legati agli scambi culturali e accademici, è stato un aspetto militare a cui il Pentagono ha dato priorità, ovvero la riapertura di canali di discussione per lo scambio di preoccupazioni militari in situazioni di crisi. Il comportamento disastroso dell’amministrazione Biden negli ultimi anni aveva portato al completo congelamento di questi canali di contatto militare con la Cina.

L’autorevole rivista statunitense National Interest ha riassunto l’incontro USA-Cina come segue: “Summit tra Joe Biden e Xi Jinping – Niente di fatto?”. Nonostante l’ostentata soddisfazione di Washington per l’incontro, non c’è alcun segno che le tensioni al centro delle relazioni si siano attenuate, afferma la rivista.

Previous articleUna forma frisone e franca di impressionismo o “pittori di nuvole e artisti della luce” nel Regno Unito dei Paesi Bassi sotto costrizione
Next articleContinua l’uccisione di massa di civili a Gaza

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

eighty ÷ = twenty