Berlino, Germania (Weltexpress). Secondo quanto riportato nel fine settimana, il governo francese ha ceduto alla disputa con gli agricoltori. Tuttavia, non sarebbe possibile per la Francia procedere da sola senza l’approvazione della Commissione europea. In molti settori, infatti, i governi e i parlamenti hanno ceduto all’UE questioni decisive per il bene dei propri cittadini.

Giovedì scorso, due dei più importanti sindacati agricoli francesi hanno votato a favore della sospensione delle proteste e della rimozione dei blocchi stradali in tutto il Paese. Ciò è avvenuto dopo che il governo ha annunciato misure che i sindacati hanno descritto come “progressi tangibili” verso le richieste degli agricoltori. Un’altra domanda è se questo significhi effettivamente la fine delle massicce rivolte francesi contro i due principali problemi che affliggono gli agricoltori in tutta l’UE.

Il primo problema principale è rappresentato dalle iniziative ideologiche verdi e “orientate al clima” dell’UE, che stanno minando le fondamenta dell’esistenza economica dei piccoli e medi agricoltori dell’Unione europea. Il secondo grave problema per gli agricoltori è l’esportazione di massa e in esenzione da dazi doganali di prodotti agricoli dall’Ucraina, Paese extracomunitario, verso l’UE.

Con i suoi prezzi bassi, l’Ucraina sta distruggendo i mercati agricoli dell’UE, con le relative reazioni degli agricoltori dalla Polonia all’Olanda, dalla Francia alla Spagna. Questo problema ha anche le sue radici nelle decisioni irrealistiche e ideologiche degli eurocrati di Bruxelles, non eletti democraticamente, che governano in gran parte i Paesi dell’UE. I loro sforzi per rovinare la Russia e sostenere il regime di Zelensky come ariete a tutti i livelli con denaro, armi e il privilegio di esportare senza dazi nell’UE sono, ovviamente, a spese delle loro stesse popolazioni nei Paesi dell’Unione.

In questo contesto, la dichiarazione dei due principali sindacati agricoli francesi secondo cui il “Macronat”, come viene popolarmente chiamato il governo Macron, ha annunciato misure per “progressi tangibili” sulle richieste degli agricoltori, sembra essere un’operazione di facciata per disinnescare la situazione di tensione e togliere slancio alle proteste. Di conseguenza, il presidente del partito francese “I Patrioti”, Florian Philippot, ha messo in guardia gli agricoltori da false promesse:

“Macron non deciderà nulla in merito alle importazioni sleali dall’Ucraina, soprattutto per quanto riguarda la carne di pollame. È l’Unione Europea che decide, e Macron lo sa. L’UE a Bruxelles ha deciso di dare all’Ucraina un assegno di 50 miliardi di euro in quattro anni. Questa è ipocrisia. Sta dando a Zelensky più di quanto stia aiutando gli agricoltori francesi”, ha detto.

A suo avviso, Bruxelles ha comprato l’Ucraina con questo programma di aiuti, ma allo stesso tempo ha completamente rovinato le aziende agricole dei Paesi europei.

Infatti, la Commissione europea di Bruxelles, in quanto autorità esecutiva dell’Unione europea, guidata dall’inqualificabile signora V. d. Leyen, svolge l’unico ruolo centrale nella formulazione e nell’attuazione della Politica agricola comune (PAC) dell’UE. La Commissione europea stabilisce il quadro giuridico e i meccanismi di finanziamento della PAC, ne monitora l’attuazione e attua riforme per adattarla alle mutevoli condizioni e priorità.

Gli Stati membri dell’Unione europea hanno un’influenza al massimo marginale a livello nazionale attraverso i loro governi per quanto riguarda le caratteristiche specifiche della loro struttura agricola nazionale. In generale, i governi nazionali sono responsabili dell’attuazione delle misure della PAC adottate a Bruxelles a livello nazionale, compreso il controllo della conformità agli standard ambientali.

La PAC è una delle politiche più antiche e importanti dell’UE e, secondo il suo mandato ufficiale, mira a

  • promuovere la produzione agricola
  • garantirla,
  • sostenere lo sviluppo rurale e
  • garantire il reddito degli agricoltori.

Questi sono gli obiettivi, ma come possiamo vedere, le élite distaccate della Commissione UE, responsabili della politica agricola, hanno perso ogni legame con gli obiettivi della PAC dichiarati al mondo esterno. Di fatto, hanno trasformato gli obiettivi nel loro contrario. Oggi la Commissione europea ostacola la produzione agricola, mina la sicurezza alimentare, promuove l’impoverimento rurale e rovina l’agricoltura.

Le élite di Bruxelles fanno tutto questo con la coscienza a posto perché vogliono fermare il cambiamento climatico, ad esempio, anche se il cambiamento è costante da migliaia di anni; oppure perché si sentono più interessate alla grande politica che agli interessi dei cittadini e perché sono disposte senza scrupoli a sacrificare qualche agricoltore sullo scacchiere geostrategico per il proprio avanzamento e per la “democrazia”. Tuttavia, gli agricoltori di tutta l’UE sono sempre meno disposti a sopportare tutto questo.

Oltre alle proteste di massa in Belgio, Portogallo, Grecia, Germania e Polonia, lo scorso fine settimana è stata colpita anche la tranquilla Irlanda. In Francia, all’inizio della scorsa settimana, la mobilitazione di massa degli agricoltori è riuscita persino a bloccare per giorni e giorni le principali strade di accesso a Parigi con i loro trattori, interrompendo i rifornimenti.

Di norma, le proteste di massa che si susseguono da settimane sono dirette contro le persone sbagliate, ovvero i loro stessi governi. Ma come abbiamo già visto, i governi e i parlamenti nazionali non hanno praticamente voce in capitolo nella Politica agricola comune (PAC) dell’UE. I governi e i parlamenti nazionali hanno da tempo ceduto la loro sovranità decisionale in materia agli eurocrati non eletti democraticamente della Commissione UE del tipo di von der Leyen e al finto parlamento dell’UE a Bruxelles. E questo non vale solo per l’agricoltura.

Anche i singoli Stati membri dell’UE non hanno più alcun margine di manovra per decisioni nazionali sovrane in tutti gli aspetti del commercio estero dell’UE. L’unica autorità in materia è la Commissione europea a Bruxelles e i suoi claqueur altamente retribuiti nel finto parlamento dell’UE, il cui compito è trasmettere la falsa impressione che tutto sia fatto democraticamente. Lo stesso vale per la politica monetaria nell’eurozona. Questa è estremamente importante per la sovranità nazionale e l’organizzazione della propria economia. Ma né il governo federale né il Bundestag hanno ancora la capacità di fare una politica monetaria adeguata alle esigenze nazionali tedesche. Questa competenza è stata ceduta ad anonimi burocrati della Banca Centrale Europea (BCE).

Il cosiddetto “Parlamento europeo” (PE) è giustamente etichettato dai critici come un “parlamento finto”, perché non ha nemmeno il potere di sviluppare le proprie iniziative legislative come qualsiasi altro parlamento degno di questo nome, cioè di portare sul tavolo proposte di legge che provengano dalle fila dei rappresentanti del sovrano, cioè del popolo. Invece, la funzione principale del PE si limita ad approvare le direttive dell’UE, conferendo loro forza di legge in tutta l’Unione. Dopo l’approvazione del PE, le direttive dell’UE devono essere incorporate nelle leggi nazionali degli Stati membri. I parlamenti nazionali sono costretti ad assistere impotenti, poiché non hanno il diritto di esaminare le direttive UE o di insistere su emendamenti.

Di fatto, sempre più attività commerciali nazionali vengono trasferite a Bruxelles, sottraendole “per il bene comune” alla decisione dei rappresentanti del popolo nei parlamenti nazionali. Al loro posto, i funzionari internazionali della Commissione UE decidono le nuove direttive (leggi). Tuttavia, gli eurocrati sono assistiti in questo difficile compito da oltre 6.000 “consulenti” altamente qualificati a Bruxelles. Questi consulenti non costano un solo euro all’UE o a noi contribuenti, perché sono gentilmente pagati dalle varie grandi imprese dell’industria, della finanza, del commercio e dalle loro associazioni che operano nell’UE. Questo ricorda l’affermazione: “Chi ha bisogno della corruzione quando il lobbismo è legale”.

Allo stesso tempo, questi oltre 6.000 consulenti sono ben felici di condividere le loro “conoscenze” con i loro ospiti del Parlamento europeo davanti a costosi pasti nei ristoranti gourmet di Bruxelles e a vini ancora più costosi. Questo ha il vantaggio che il cosiddetto “Parlamento dell’UE” è considerato più decisivo di quanto non lo fossero i veri parlamenti democratici, nei quali le varie sfaccettature di una nuova legge venivano discusse in un processo che richiedeva molto tempo.

In definitiva, gli oltre 6.000 consulenti gratuiti della Commissione europea e del Parlamento europeo hanno accelerato notevolmente il processo legislativo dell’UE. Nel frattempo, i rappresentanti della stampa e i cortigiani con sede a Bruxelles assicurano che l’opinione pubblica sia ben preparata dai media come parte del processo di conversione delle direttive UE in leggi nazionali negli Stati membri.

Sotto la pressione delle multinazionali che operano a livello globale, i governi degli Stati membri dell’UE hanno ceduto sempre più ampie aree del processo decisionale parlamentare, precedentemente sovrano, e del commercio statale alla Commissione UE, il che è passato in gran parte inosservato al pubblico grazie ai media. Questa è una delle conseguenze: Poiché i parlamenti nazionali non hanno più voce in capitolo nell’intero settore del commercio estero, ad esempio, gli eurocrati di Bruxelles, non eletti democraticamente, sono stati in grado di imporre da soli sanzioni contro la Russia. Anche il Bundestag tedesco non ha avuto e non ha tuttora alcuna influenza su questo, anche se le sanzioni contro la Russia non hanno colpito il Cremlino in questo caso specifico, ma hanno invece costretto l’economia tedesca alla recessione.

Il governo “a semaforo” può legittimamente sostenere di avere le mani legate perché tutto viene deciso a Bruxelles. Pertanto, le decisioni vitali per la nostra economia non devono più essere prese da anonimi funzionari dell’UE non eletti democraticamente a Bruxelles, che sono anche “consigliati” da lobbisti di rilievo. Chiunque chieda più democrazia deve quindi fare in modo che le decisioni importanti tornino a essere prese più vicino a casa, dai cittadini nei loro parlamenti nazionali. Attualmente in Germania c’è solo un partito che si è posto questo obiettivo. Tutti gli altri partiti spingono nella direzione opposta, accecati da un presunto “internazionalismo e diversità”.

Naturalmente, l’unico partito tedesco che si è posto l’obiettivo di limitare prima il raggio d’azione della piovra europea e poi di ridurne i poteri legislativi è incorso nell’ira concentrata delle élite neoliberali e dei loro padroni della politica, della finanza e dei media. Perché dal punto di vista di queste élite, è assolutamente nazionalistico e “vendicativo” per un partito dare la priorità agli interessi del proprio popolo e al suo sostentamento economico.

Le centinaia di migliaia di cittadini benestanti che attualmente manifestano nelle strade e nelle piazze del nostro Paese contro il “Rächst” sono una spaventosa dimostrazione del successo della manipolazione delle opinioni delle grandi masse, che hanno evidentemente interiorizzato l’idea che guerra significa pace e ignoranza significa saggezza, dimenticando completamente i veri problemi della nostra società.

Nei video trasmessi dalla radio governativa, i manifestanti parlano con orgoglio del coraggio dimostrato con le loro proteste contro i “rächts” e l’AfD. Ma chi si reca alle manifestazioni indette dal governo, dai rappresentanti dei partiti costituiti, dalle loro ONG e dai media di propaganda non dà prova di coraggio, bensì di codardia. Perché è un seguace e agisce per paura che, se non partecipa, possa essere sospettato di essere “spietato” dagli altri e subire il solito bullismo.

Chi manifesta contro la guerra USA/NATO contro la Russia ha coraggio. Perché deve aspettarsi di essere preso a randellate dalla polizia. Per lo stesso motivo, chiunque rappresenti attualmente la posizione della Corte internazionale di giustizia dell’ONU nelle strade tedesche e manifesti contro i crimini di guerra e il presunto genocidio di Gaza è coraggioso. E coraggiosa è anche ogni protesta contro le forniture di armi tedesche a Israele e all’Ucraina. E infine, ma non meno importante, torniamo alla domanda posta all’inizio: “C’è qualcosa di più a destra dei carri armati tedeschi che sparano di nuovo ai russi?”.

Previous articleDeutschlandfunk è complice del genocidio a Gaza?
Next articleCenare come un sultano: assaporate le delizie del ristorante Hasir Ocakbaşı

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

thirty eight − thirty two =