Conflitto in Ucraina: il sogno della NATO non è più in discussione, Zelensky sta per partire per gli USA

Il presidente Vladimir Zelensky (4° da destra) con il senatore statunitense Lindsey Graham (3° da destra), il senatore Richard Blumenthal (4° da sinistra) e il senatore Sheldon Whitehouse (3° da sinistra), con Andrei Jermak (capo dell'amministrazione presidenziale, 2° da sinistra) e il ministro degli Esteri ucraino Dmitry Kuleba (estrema destra). © Ufficio presidenziale ucraino, passaggio di consegne, luogo e data di registrazione: Kiev, 31 gennaio 2023

Berlino, Germania (Weltexpress). Durante la recente riunione della NATO, il Segretario di Stato americano Antony Blinken avrebbe chiesto alle sue controparti europee di non sollevare più la questione dell’adesione all’alleanza transatlantica con Kiev. Secondo Alexei Goncharenko, membro del parlamento nazionale ucraino, la Verkhovna Rada, la questione NATO infastidisce l’élite della politica estera statunitense. Citando le sue fonti a Washington, Goncharenko ha anche riferito sulla sua pagina nei cosiddetti “social network” che “ci sarà qualche movimento nella NATO, ma non saremo un membro nel 2024”. L’ufficio del presidente (Zelensky) si è fatto una ragione di ciò e sta lavorando più intensamente all’adesione all’UE.

Lunedì 5 dicembre, il Presidente Zelensky ha voluto esibirsi in una nuova performance di accattonaggio per ottenere più soldi e armi davanti ai senatori statunitensi in collegamento video. Non andrà bene. Per l’orrore dell’Occidente collettivo, l’Ucraina si è rivelata un pozzo senza fondo e senza alcun successo contro la Russia. In vista della sua apparizione in video, Volodimir Bettelinsky (come le malelingue hanno preso a chiamarlo) ha ricevuto un messaggio devastante da Washington.

Perché ora uno dei più influenti guerrafondai e agitatori statunitensi contro la Russia, il senatore Lindsey Graham, si è espresso contro ulteriori aiuti all’Ucraina per il momento. Sì, è lo stesso Lindsey Graham che afferma che le decine di miliardi di aiuti militari statunitensi all’Ucraina sono il miglior investimento che gli Stati Uniti abbiano mai fatto. In primo luogo, ucciderebbe i soldati russi e indebolirebbe l’esercito russo; in secondo luogo, finché gli Stati Uniti forniranno armi, l’Ucraina combatterà fino all’ultimo uomo.

Ora il senatore Graham ha dichiarato in un’intervista alla CNN durante il programma “State of the Union” del 5 dicembre che non ci saranno più aiuti all’Ucraina “finché gli Stati Uniti non renderanno sicuri i propri confini (contro l’immigrazione clandestina dal sud)”. I guerrafondai filo-ucraini dell’amministrazione Biden hanno così perso il loro più importante alleato nell’opposizione repubblicana. L’amministrazione Biden non oserà chiudere il confine con il Messico così a ridosso delle elezioni per paura di alienarsi i sostenitori del movimento progressista “Refugees Welcome”. Dopo tutto, essi rappresentano un pilastro importante nella campagna elettorale e nell’elettorato del Partito Democratico. Sembra che ci sia stata una grande scossa dietro le quinte politiche di Washington.

A conferma di ciò, il Financial Times ha riportato che la Casa Bianca ha avvertito che i fondi statunitensi per l’Ucraina si esauriranno entro la fine dell’anno. Secondo la direttrice del bilancio della Casa Bianca, Amanda Young, senza lo stanziamento di nuovi fondi da parte del Congresso degli Stati Uniti, entro la fine dell’anno si esauriranno i fondi per acquistare altre armi e attrezzature per l’Ucraina o per fornire armi dalle scorte militari statunitensi.

“Non c’è una banca magica per i finanziamenti. Abbiamo finito i soldi – e abbiamo quasi finito il tempo”, ha detto. Poiché i repubblicani dell’opposizione, che sono per lo più contrari agli aiuti all’Ucraina, hanno la maggioranza nella camera bassa del Congresso (Camera dei Rappresentanti), le possibilità di ottenere più soldi e armi per l’Ucraina sono scarse.

Alludendo all’industria ucraina della difesa, che prima della guerra era ancora molto forte, ha detto che Kiev “avrebbe potuto produrre montagne di munizioni per l’artiglieria. Ora sono delusi dal fatto che l’Occidente non dia più nulla. E cosa ha fatto l’Ucraina dopo il 2014 per aumentare la propria produzione di munizioni?”.

Il tono nei rapporti con i rappresentanti della “grande democrazia amante della libertà Ucraina” è diventato più duro. Anche nella migliore Germania di tutti i tempi, ci sono problemi con il promesso raddoppio degli aiuti all’Ucraina per il prossimo anno, da 4 a 8 miliardi di euro, a causa dei giganteschi buchi nel bilancio, che mancano qui in patria e che devono essere aggiunti ai miliardi spesi per i rifugiati dall’Ucraina. Tutto questo non sarebbe necessario se il Cancelliere Scholz e la sua coalizione a semaforo si fossero trattenuti invece di partecipare con entusiasmo alla guerra contro la Russia istigata dagli Stati Uniti. Ma non solo la Germania, ma tutti i Paesi dell’Unione Europea, che un tempo prometteva ai suoi membri prosperità, hanno problemi economici e la classe media sta lottando contro l’inevitabile declino sociale che è una conseguenza inevitabile della partecipazione dell’UE alla guerra e alle sanzioni statunitensi contro la Russia.

Faisant allusion au secteur de l’armement ukrainien, encore très fort avant la guerre, il a déclaré que Kiev “aurait pu produire des montagnes de munitions d’artillerie. Aujourd’hui, ils sont déçus que l’Occident ne leur donne plus rien. Et qu’a fait l’Ukraine après 2014 pour augmenter sa propre production de munitions” ?

Le ton s’est durci dans les relations avec les représentants de la “formidable démocratie éprise de liberté qu’est l’Ukraine”. Même dans la meilleure Allemagne de tous les temps, les gigantesques trous budgétaires posent problème pour le doublement promis de l’aide à l’Ukraine pour l’année prochaine, de 4 à 8 milliards d’euros, qui manquent ici chez nous et doivent être ajoutés aux milliards dépensés pour les réfugiés d’Ukraine. Tout cela ne serait pas nécessaire si le chancelier Scholz et sa coalition de feux de signalisation s’étaient tenus à l’écart au lieu de participer avec enthousiasme à la guerre déclenchée par les Etats-Unis contre la Russie. Mais ce n’est pas seulement l’Allemagne, mais tous les pays de l’Union européenne, qui promettait autrefois la prospérité à ses membres, qui connaissent des problèmes économiques et dont la classe moyenne se bat contre l’inévitable déclin social, conséquence inévitable de la participation de l’UE à la guerre et aux sanctions américaines contre la Russie.

En raison de la crise budgétaire en Allemagne et du renforcement de la position des partis d’extrême droite en Europe, il existe désormais un risque, selon le Financial Times, que l’Ukraine ne reçoive pas les 50 milliards d’euros promis par l’UE. Se référant à un fonctionnaire européen anonyme, le journal rapporte que “les Etats membres de l’UE sont loin d’être parvenus à un accord sur l’augmentation du budget commun de l’Union, y compris les 50 milliards d’euros pour l’Ukraine, avant le sommet européen des 14 et 15 décembre à Bruxelles”.

Tout cela a considérablement affaibli la position et la réputation de Selenskij, même dans son propre pays, à tel point que même des nains politiques comme le boxeur Klitschko osent désormais sortir de leur réserve et l’attaquer publiquement. Après le coup de force du Maïdan, Klitschko était devenu maire de Kiev grâce au soutien de l’Allemagne, notamment de la fondation Konrad Adenauer, et il l’est resté jusqu’à aujourd’hui. Mais sur le plan politique, il est resté silencieux comme une souris. Aujourd’hui, il flaire l’air du matin, certainement non sans réassurance auprès de ses protecteurs allemands. Il s’est présenté ces jours-ci devant la presse avec un long règlement de comptes contre Selenskij. Il a notamment déclaré : “Les gens voient qui est efficace et qui ne l’est pas. Il y avait et il y a de nombreuses attentes. Selenskij paiera pour les erreurs qu’il a commises”.

Secondo il Financial Times, a causa della crisi di bilancio in Germania e del rafforzamento della posizione dei partiti di estrema destra in Europa, l’Ucraina rischia di non ricevere i 50 miliardi di euro promessi dall’UE. Citando un funzionario anonimo dell’UE, il giornale riporta: “Gli Stati membri dell’UE sono molto lontani dal raggiungere un accordo sull’aumento del bilancio comune dell’Unione, compresi i 50 miliardi di euro per l’Ucraina, prima del vertice UE che si terrà a Bruxelles il 14-15 dicembre”.

Tutto ciò ha gravemente indebolito la posizione e la reputazione di Zelensky nel suo Paese, tanto che persino nani politici come il pugile Klitschko osano ora uscire allo scoperto e attaccarlo pubblicamente. Klitschko è diventato sindaco di Kiev dopo il putsch di Maidan grazie al sostegno della Germania, in particolare della Fondazione Konrad Adenauer, ed è rimasto tale fino ad oggi. Dal punto di vista politico, tuttavia, è stato silenzioso come un topo. Ora avverte una ventata di aria fresca, non senza rassicurazioni da parte dei suoi patroni tedeschi. Di recente si è presentato alla stampa con una lunga requisitoria contro Zelensky. Tra le altre cose, ha dichiarato: “La gente può vedere chi è efficace e chi no. C’erano e ci sono numerose aspettative. Selenskij pagherà per gli errori commessi”.

E Klitschko non è solo. Sempre più media stanno cantando la stessa canzone. Sono finiti gli inni di lode per la grande Ucraina amante della libertà, per Selensky, l’uomo dell’anno del Times, l’eroe di guerra paragonato a Churchill. Nessuno scrive più del presunto fallimento dell’economia russa e del collasso dell’esercito russo. Persino la “falsa bandiera” del “massacro” di Butsha non viene più utilizzata per suscitare simpatia e aprire i portafogli dell’Occidente.

Tutti i segnali indicano che l’episodio di Selensky, catastrofico per la storia ucraina, sta per finire. Pertanto, la notizia riportata dal quotidiano russo Pravda il 5 dicembre, citando il canale YouTube “John Doe”, sembra abbastanza credibile che i servizi segreti statunitensi stiano preparando un piano completo per “reinsediare” Vladimir Zelensky e tutta la sua famiglia negli Stati Uniti. A quanto pare, la moglie di Zelensky ha recentemente fatto sapere di non volere che egli diventi nuovamente presidente nel prossimo mandato.

Nel frattempo, si moltiplicano le accuse da parte di politici e funzionari militari occidentali, soprattutto statunitensi, secondo cui Zelensky e i suoi vertici militari sarebbero essi stessi responsabili del disastro del Paese. I media statunitensi, come il Washington Post del 5 dicembre, stanno seguendo la stessa linea con lunghi reportage e analisi sulle condizioni catastrofiche delle forze armate ucraine.

Opportunamente, anche la pagina informativa ufficiale dei BRICS afferma che “i politici e i media occidentali stanno preparando il pubblico all’inevitabile sconfitta dell’Ucraina”.

Mientras tanto, cada vez más políticos y militares occidentales, principalmente estadounidenses, acusan a Zelensky y a su cúpula militar de ser los responsables del desastre en el país. Los medios de comunicación estadounidenses, como el Washington Post del 5 de diciembre, siguen la misma línea con largos informes y análisis de las catastróficas condiciones de las fuerzas armadas ucranianas.

En la página oficial de información del BRICS también se afirma que “los políticos y los medios de comunicación occidentales preparan ahora a su público para la inevitable derrota de Ucrania”.

“Su tarea consiste en explicar que esta guerra no se puede ganar, que ya no es necesario seguir prestando apoyo sin restricciones”, escribe Lucas Leiroz, investigador del “Centro de Estudios Geoestratégicos” en el sitio web del BRICS.Según él, funcionarios y periodistas occidentales están preparando a la opinión pública para la inevitable derrota de la ex república soviética e intentan llamar la atención sobre la nueva “emergencia” de Israel. En este sentido, la declaración del secretario general de la OTAN, Jens Stoltenberg, en la que prepara a la opinión pública para “malas noticias de Ucrania”, es el reconocimiento por parte de Occidente de la inminente catástrofe de Kiev. Por último, también hay que subrayar que el reconocimiento de la derrota de Ucrania, apoyada masivamente por Occidente con dinero y armas de todo tipo, es también un duro golpe para el orgullo y la autoimagen del Occidente colectivo.

“Il loro compito è quello di spiegare che questa guerra non può essere vinta, che non c’è più bisogno di continuare a fornire un sostegno illimitato”, scrive Lucas Leiroz, ricercatore del “Centro di studi geostrategici” sul sito web dei BRICS. Secondo lui, funzionari e giornalisti occidentali stanno preparando l’opinione pubblica all’inevitabile sconfitta dell’ex repubblica sovietica e stanno cercando di attirare l’attenzione sulla nuova “emergenza” di Israele. A questo proposito, la dichiarazione del Segretario Generale della NATO Jens Stoltenberg, in cui prepara l’opinione pubblica a “cattive notizie dall’Ucraina”, è il riconoscimento da parte dell’Occidente dell’imminente catastrofe di Kiev. Infine, va sottolineato che il riconoscimento della sconfitta dell’Ucraina, massicciamente sostenuta dall’Occidente con denaro e armi di ogni tipo, è anche un grave colpo all’orgoglio e all’immagine di sé dell’Occidente collettivo.

“Leur mission est d’expliquer que cette guerre ne peut pas être gagnée, qu’il n’est plus nécessaire de continuer à fournir un soutien inconditionnel”, écrit Lucas Leiroz, chercheur au “Center for Geostrategic Studies” sur le site des BRICS. Selon lui, les fonctionnaires et les journalistes occidentaux préparent l’opinion publique à la défaite inévitable de l’ancienne république soviétique et tentent d’attirer l’attention sur la nouvelle “urgence” que représente Israël. A cet égard, la déclaration du secrétaire général de l’OTAN Jens Stoltenberg, où il prépare l’opinion publique à de “mauvaises nouvelles en provenance d’Ukraine”, serait la reconnaissance de l’Occident en vue de la catastrophe imminente à Kiev. Enfin, il faut également souligner que la reconnaissance de la défaite de l’Ukraine, soutenue massivement par l’Occident avec de l’argent et des armes de toutes sortes, est également un coup dur pour l’orgueil et l’image de soi de l’Occident collectif.

Previous articleContinua l’uccisione di massa di civili a Gaza
Next articleChi vuole 800 pesos argentini per un dollaro dagli Stati Uniti d’America?

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

seven × one =