Conflitto del Niger: Parliamo di neocolonialismo, furto di risorse e rotte dei rifugiati

Mauritania, Mali, Niger e altri paesi su un globo. Fonte: Pixabay

Berlino, Germania (Weltexpress). La minaccia di un intervento militare della Nigeria nel vicino Niger sembra per il momento vietata. Ma i neo-colonialisti in Occidente, in particolare Francia e Stati Uniti, cercheranno con le unghie e con i denti di mantenere il loro dominio nel paese attraverso le loro basi militari in Niger. Si tratta anche di rotte migratorie e materie prime.

Sabato scorso, un giorno prima dell’ultimatum del 6 agosto in cui il presidente nigeriano Bola Tinubu aveva dato l’intervento militare ai nuovi governanti militari nel vicino Niger per reintegrare il presidente che era stato estromesso dai golpisti, il Senato dello stato dell’Africa occidentale ricco di petrolio di La Nigeria ha annunciato che il presidente Tinubu si rifiuta di invadere il Niger. I quotidiani nigeriani in lingua inglese hanno riportato all’unanimità – ad esempio qui, in questo e anche qui – che è stato in qualche modo trascurato dai politici e dai media nell’Occidente collettivo.

I senatori dei 19 stati della Nigeria settentrionale avevano precedentemente convinto i loro omologhi degli stati della Nigeria meridionale che i loro stati, che condividono un confine incontrollabile lungo ben più di mille chilometri con la Repubblica del Niger, sarebbero stati inondati da un’ondata incontrollabile di rifugiati nel diventerebbe evento di guerra.

Ad eccezione dell’intervento militare, il Senato ha approvato tutti gli altri metodi proposti dal presidente Tinubu per ripristinare l’ordine costituzionale nella Repubblica del Niger. Come risultato di questa inversione di politica, i capi militari nigeriani si sono incontrati con le loro controparti di altri stati membri dell’ECOWAS che inizialmente erano pronti a unirsi a un’invasione nigeriana del Niger. Insieme hanno rilasciato una dichiarazione secondo cui non ritenevano più una buona idea usare la forza militare contro la giunta militare del Niger.

Il noto ingegnere e blogger nigeriano Chima Okezue ha riferito sul suo canale Telegram il 5 agosto che il pericolo di guerra è stato per il momento scongiurato. Tuttavia, continuano gli sforzi diplomatici per convincere la giunta militare a dimettersi. Tuttavia, ci sono due grandi punti interrogativi. In primo luogo, la Francia e gli Stati Uniti si accontenteranno di una soluzione non militare al conflitto sul Niger? E in secondo luogo, gli sforzi diplomatici hanno qualche possibilità di successo?

Per quanto riguarda la seconda domanda, le immagini ei video delle testate internazionali nei giorni successivi al colpo di stato militare in Niger sembrano dare poche possibilità alla diplomazia di restaurare il presidente legittimo e democraticamente eletto Mohammed Bazoum. Anche le agenzie di stampa dell’Occidente collettivo hanno mostrato immagini di manifestazioni di massa a sostegno dei nuovi governanti, la cui retorica riecheggia i toni antimperialisti dei vicini del Niger, Burkina Faso e Mali. L’assalto e l’incendio dell’ambasciata francese da parte di un’enorme folla senza intervento di polizia o militare sembra anche confermare i rapporti secondo cui non ci sono fazioni visibili negli organi di sicurezza del Niger schierate con il presidente estromesso o chiederebbero Francia e Stati Uniti.

Ciò suggerisce che i nuovi governanti in Niger, qualunque sia la loro motivazione per il colpo di stato, continueranno a usare la retorica anticoloniale per legittimarsi di fronte al proprio popolo. Allo stesso tempo, è prevedibile che volessero assicurarsi il sostegno dei paesi vicini come Mali, Ciad, Burkina Faso, Algeria e, più in generale, i paesi BRICS con una politica estera antimperialista.

Alle manifestazioni di massa in Niger a sostegno del colpo di stato, sono state sventolate bandiere russe e si sono sentite grida di “Putin, Putin”. Pochi giorni fa, Ulf Laessing, che è passato da Bamako/Mali, ha risposto negativamente alla domanda se dietro il colpo di stato ci fossero i russi nel telegiornale ARD Tagesschau. Laessing, capo del progetto Sahel della Fondazione Konrad Adenauer e ben informato sulla situazione in Niger, ha sottolineato, tra l’altro, che la Russia non ha nemmeno un’ambasciata in Niger e non ha altra influenza nel Paese. Allo stato attuale delle conoscenze, le motivazioni del golpe militare non sembrano essere di natura ideologica, ma fondate su dispute personali tra la dirigenza militare e il presidente.

Alla domanda su come potrebbe essere in futuro il rapporto tra la Germania e l’Europa con i nuovi governanti in Niger, Laessing ha affermato che gli europei dovrebbero collaborare con i golpisti se non vogliono che la rotta migratoria verso l’Europa venga riaperta. Questo percorso è stato in gran parte chiuso dal presidente estromesso su sollecitazione dell’UE. C’erano contropartite dall’UE per compensare il Niger per il mancato guadagno. Perché la chiusura della rotta migratoria aveva distrutto molti posti di lavoro redditizi in Niger, caratterizzato da un’elevata disoccupazione e povertà, che ha suscitato grande rabbia tra la popolazione.

La migrazione dall’Africa meridionale all’Europa attraverso il Niger aveva creato una domanda in forte espansione in tutto il paese per servizi di trasporto nel deserto, ristorazione, hotel e vendita al dettaglio. Allo stesso tempo, molte persone sono riuscite a fare soldi contrabbandando da e verso la Libia. Di conseguenza, la popolazione del Niger eserciterà una forte pressione sul governo putsch per riaprire la rotta. Quindi, se gli europei non vogliono alcun nuovo flusso migratorio aggiuntivo dall’Africa, non hanno altra scelta che fare un accordo con i nuovi governanti. Il solito corso conflittuale di politica estera à la Baerbock, che finge virtù, avrebbe anche conseguenze molto controproducenti per la Germania nei confronti del Niger.

Torniamo ora alla prima delle domande poste in precedenza: anche la Francia e gli Stati Uniti saranno soddisfatti di una soluzione non militare al conflitto sul Niger?

L’ultimatum dalla Nigeria discusso in precedenza, combinato con la minaccia di invasione per reintegrare il deposto presidente in Niger, aveva ricevuto molto sostegno politico, soprattutto da Francia e Stati Uniti. Il fatto che alcuni degli stati ECOWAS più piccoli avessero accettato di unirsi a un’eventuale operazione militare nigeriana è stato visto come un ulteriore vantaggio da Parigi e Washington, in quanto potrebbe servire meglio i propri scopi neocoloniali piuttosto che con il pretesto di aiutare disinteressatamente gli africani a riprendersi della democrazia in Niger sono nascosti.

Probabilmente è stato il fatto che i circoli imperialisti negli Stati Uniti e in Francia abbiano colto al volo l’intervento militare annunciato dalla Nigeria che ha portato i paesi vicini al Niger, Mali e Burkina Faso, ma anche l’Algeria, a dichiarare la loro intenzione di fornire al Niger un appoggio militare in caso di guerra . Ciò ha improvvisamente creato una situazione in cui qualsiasi azione militare della Nigeria in Niger si sarebbe conclusa con una gigantesca catastrofe per l’intera regione.

La popolazione totale dei paesi che sostengono il Niger è di circa 80 milioni, con la sola Nigeria che conta 200 milioni. Senza una chiara linea del fronte, la guerra si estenderebbe a migliaia di villaggi nelle regioni di confine. Gli attacchi aerei statunitensi e francesi avrebbero fatto la loro parte per intensificare il caos che ne sarebbe derivato. Non solo gli stati di confine della Nigeria sarebbero stati sommersi dai profughi, contro i quali i senatori nigeriani avevano messo in guardia, ma sarebbe in arrivo anche un flusso inconfondibile di profughi verso l’Europa.

Poiché la Nigeria ha annullato un intervento militare, la Francia e gli Stati Uniti hanno ora grandi difficoltà a condurre spedizioni militari punitive in Niger, che è lontano dal mare. Sia la base francese che quella statunitense in Niger non potrebbero resistere a lungo contro l’esercito del Niger in caso di conflitto militare senza il supporto delle rispettive forze aeree.

Per intraprendere un’azione militare contro il governo del Niger dalle loro basi in Niger, gli Stati Uniti e la Francia avrebbero bisogno dei diritti di atterraggio e decollo per i loro aerei militari nei paesi confinanti con il Niger. Tuttavia, ciò è altamente improbabile. Perché nell’attuale situazione globale, nessun Paese dell’Africa occidentale – indipendentemente dal suo orientamento politico e che non vuole suicidarsi – oserà da solo, cioè senza la potente Nigeria alle spalle, gli imperialisti francesi e americani, impopolari in tutta l’Africa, in un’azione militare contro il Niger per sostenere lo stato fratello africano.

Inoltre, lo stesso stato della Nigeria ha una lunga storia antimperialista e una corrispondente immagine di sé collettiva. La Nigeria lo ha dimostrato più e più volte con il suo sostegno attivo e generoso ai movimenti di libertà anticoloniali in Africa. Questo è un lato della medaglia nigeriana. D’altra parte, la leadership nigeriana è molto allergica ai colpi di stato militari, soprattutto quando prendono di mira governi democraticamente eletti, preoccupati per la stabilità nella regione dell’Africa occidentale. Non importa quali ragioni vengono utilizzate per giustificare i colpi di stato.

A questo proposito, la Nigeria è sostenuta dal governo russo. Anche il ministero degli Esteri russo ha condannato il golpe in Niger. L’ambasciatore russo in Nigeria Alexei Shebarshin ha ribadito la linea del Cremlino secondo cui il colpo di stato in Niger è “incostituzionale”. Ha aggiunto che la Russia voleva che la crisi del Niger fosse risolta pacificamente e senza l’intervento della Nigeria/ECOWAS. Ancora più importante, la Russia non ha intenzione di aiutare la nuova giunta militare in Niger, ha affermato l’ambasciatore Shebarshin.

La situazione in Niger è quindi più complessa di quanto credano molti antimperialisti, che, ad esempio, hanno condannato di riflesso la reazione della Nigeria ed etichettato il presidente nigeriano come un fantoccio degli Stati Uniti semplicemente perché a prima vista è stato coinvolto in un intervento militare allo stesso modo degli Stati Uniti e la Francia ha minacciato il Niger.

Mentre un intervento della Nigeria/ECOWAS non è più prevedibile a causa della decisione del Senato in Nigeria, l’Occidente collettivo continua a lamentarsi della caduta del presidente del Niger Mohammed Bazoum. L’Occidente continua a minacciare un’azione militare per ripristinare Bazoum in modo che il Pentagono possa riavviare la sua base di droni e la Francia le sue miniere di uranio e oro in Niger.

Come la Francia, in particolare, abbia saccheggiato fino all’ultimo le riserve auree e di uranio del Niger è quanto hanno scritto l’eurodeputato tedesco Martin Sonneborn, eletto al Parlamento Ue, e la sua collega Claudia Latour in un articolo del 3 agosto sul Berliner Zeitung dal titolo: “Il Sud del mondo non vuole più essere saccheggiato dall’Occidente” in modo molto vivido. L’articolo fattuale, che vale sicuramente la pena leggere, chiarisce che anche in Niger gli africani vogliono porre fine al furto di materie prime e all’imbroglio attraverso accordi commerciali di tipo mafioso con l’Occidente. Ecco un breve estratto dall’articolo di Sonneborn e Latour come “Antipasto”: “Non c’è una sola miniera d’oro attiva in Francia. Eppure questo [ex] stato coloniale criminale ha la quarta più grande riserva d’oro al mondo con 2.436 tonnellate. Il [ ex] colonia francese del Mali possiede esattamente 0,0 tonnellate di oro, sebbene abbia diverse dozzine di miniere [di cui 14 ufficiali] nel paese che ne estraggono fino a 70 tonnellate all’anno. Dei guadagni derivanti da quasi 60 tonnellate di oro estratto da [stimato] 600.000 bambini nella [ex] colonia francese del Burkina Faso, solo il dieci per cento va nel paese, ma il 90 per cento alle società multinazionali di estrazione dell’oro.

Nonostante i suoi depositi di uranio e oro, il Niger si è recentemente classificato al 189° posto su 191 paesi nell’indice di sviluppo. L’intero bilancio statale del Niger, un paese tre volte più grande della Repubblica federale di Germania, è di circa 4,5 miliardi di euro, non superiore al fatturato annuo della società nucleare francese Orano [ex Areva]”.

Infine, un riferimento al sondaggio tra i lettori di più giorni sulla home page di RT-DE intitolato: “Di cosa parla il Niger?” Lo sfondo della domanda era: “Dopo il colpo di stato in Niger e la presa del potere da parte di un governo militare, c’è una minaccia di intervento da parte degli Stati vicini e occidentali. Di cosa si tratta?”

Alle 22:00 di lunedì 7 agosto, solo lo 0,8% dei lettori aveva optato per la prima risposta suggerita: “Si tratta di difendere la democrazia contro i golpisti”, riflettendo il sano scetticismo dei lettori di DE di RT contro la mendace propaganda occidentale sui diritti umani e democrazia.

La stragrande maggioranza dei lettori, il 70,7%, ha votato per la seconda risposta data: “Si tratta di controllare le risorse naturali e liberare l’Africa dalle strutture coloniali”. Il 19,4% ha votato: “Il Niger è solo un’altra arena nella lotta dell’Occidente contro Russia e Cina”. L’ultima risposta suggerita è stata: “Non mi interessa l’Africa. Siamo saccheggiati e ridotti in schiavitù come una colonia”. Ha ottenuto l’otto per cento.

Previous articleLamenti al Pentagono sul complesso militare-industriale USA
Next articleCome si fa a vendere agli sciocchi di questo mondo un libro sulla tossicità della terapia genica modRNA SARS-CoV-2 di Big Pharma?

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

eight × one =