Documentato: gli ipocriti statunitensi hanno ucciso milioni di persone dal 2001

Soldati statunitensi. Fonte: Pixabay

Berlino, Germania (Weltexpress). Uno studio scientifico sui costi della guerra condotto da una rinomata università statunitense accusa i guerrafondai americani di aver ucciso almeno quattro milioni e mezzo di persone in tutto il mondo dall’11 settembre 2001 e di aver prodotto decine di milioni di rifugiati.

Oltre 940.000 morti per violenza bellica diretta, tra cui 432.000 civili, 3,6-3,8 milioni di persone, quasi esclusivamente civili, morte indirettamente nelle aree invase dalle guerre statunitensi. Questo porta il bilancio totale delle vittime ad almeno 4,5-4,7 milioni di persone. Altri 38 milioni sono stati sfollati dalle loro case o sono finiti come rifugiati di guerra.

Questi sono i “successi bellici” mondiali della “nazione indispensabile” USA dall’11 settembre 2001, registrati con precisione scientifica da un progetto di ricerca della Brown University negli Stati Uniti. Nessuna di queste guerre statunitensi non provocate e giustificate con la menzogna – per lo più con il sostegno dei vassalli della NATO – è stata legittimata dal diritto internazionale e certamente non in termini umanitari. Sono servite solo alle élite senza scrupoli al potere negli Stati Uniti per imporre il loro dominio mondiale su montagne di cadaveri nel XXI secolo.

Il “Centro Watson” della Brown University è stato fondato nel 2011 in collaborazione con la Boston University. La Brown University era già nota per la sua osservazione e analisi imparziale e meticolosa delle guerre statunitensi nel mondo. Oggi, il Watson Institute della Brown e il suo “Costs of War” – rispetto a tutte le altre fonti occidentali – offrono le informazioni più fondate sulle vittime civili e militari di tutte le parti. Ma il progetto “Costs of War” del Brown è anche una fonte affidabile di informazioni sui costi materiali delle guerre statunitensi e sui profittatori di guerra.

Ecco un riassunto dei risultati più importanti della ricerca dell’ultima pubblicazione del progetto “Costs of War”:

  • Almeno 940.000 persone sono state uccise dalla violenza militare diretta, comprese le forze armate di tutte le parti in conflitto, compresi mercenari, civili, giornalisti e operatori umanitari.
  • Il numero di civili uccisi dalla violenza militare diretta da parte di tutte le parti in conflitto ammonta a 432.000 persone.
  • Si stima che tra i 3,6 e i 3,8 milioni di persone abbiano perso la vita nelle zone di guerra dopo l’11 settembre 2001 come conseguenza indiretta dei combattimenti, per fame, malattie, incidenti, ecc. Questo porta il bilancio totale delle vittime ad almeno 4,5-4,7 milioni.
  • Solo 7.050 soldati statunitensi sono stati uccisi dalla forza militare diretta nelle guerre degli Stati Uniti dall’11 settembre 2001. Si tratta dello 0,75% delle 940.000 persone uccise direttamente nelle guerre statunitensi. Quindi, in queste guerre statunitensi, sono relativamente poche le madri americane che piangono i loro figli caduti. A titolo di paragone, solo nel 2021 negli Stati Uniti si sono registrati 42.939 morti in incidenti stradali. Oppure: secondo l’ex colonnello statunitense Douglas Macgregor, dal 24 febbraio in Ucraina sono morti 500.000 soldati ucraini, per lo più giovani.
  • Il progetto “Costs of War” stima in 8.189 il numero di mercenari uccisi nelle cosiddette “guerre al terrore” statunitensi al servizio del Pentagono.
  • 38 milioni di persone sono state sfollate a causa delle guerre successive all’11 settembre 2001 in Afghanistan, Pakistan, Siria, Libia, Somalia, Iraq, Yemen e Filippine.
  • Il governo statunitense ha condotto le cosiddette operazioni antiterrorismo in 78 Paesi, espandendo in modo significativo la guerra in tutto il mondo.
  • Le guerre successive all’11 settembre hanno contribuito in modo significativo al cambiamento climatico. Il Dipartimento della Difesa statunitense è uno dei maggiori emettitori di gas serra al mondo.
  • Le guerre sono state accompagnate dall’erosione dei diritti civili e umani in patria e all’estero.
  • I costi umani ed economici di queste guerre si faranno sentire per decenni, anche se alcuni, come i costi finanziari dell’assistenza ai veterani statunitensi, non raggiungeranno il picco prima della metà del secolo.
  • Dopo le guerre al terrorismo, i tassi di suicidio tra i veterani e il personale militare attivo degli Stati Uniti hanno superato quelli della popolazione generale. Si tratta di un “cambiamento allarmante”, poiché i tassi di suicidio tra i militari sono stati storicamente inferiori a quelli della popolazione generale. Dopo gli scontri dell’11 settembre, il numero di soldati e veterani in servizio attivo morti per suicidio è almeno quattro volte superiore a quello dei combattimenti.
  • La maggior parte dei finanziamenti del governo statunitense per la ricostruzione in Iraq e Afghanistan è stata destinata all’armamento delle forze di sicurezza filoamericane in entrambi i Paesi. Gran parte del denaro stanziato per gli aiuti umanitari e la ricostruzione della società civile è andato perso a causa di frodi, sprechi e abusi.
  • Il costo delle guerre post 11 settembre in Iraq, Afghanistan, Pakistan, Siria e altrove è di circa ottomila miliardi di dollari USA. Questo non include i futuri costi degli interessi per i prestiti contratti per le guerre.
  • Anche l’impatto sull’economia statunitense è stato significativo, con perdite di posti di lavoro e aumenti dei tassi di interesse.
  • I politici statunitensi non hanno quasi mai preso in considerazione alternative alla guerra quando hanno discusso l’invasione dell’Iraq dopo l’11 settembre.

Questo studio di grande attualità del Costs of War Project della Brown University utilizza dati empirici per sostenere la tesi che la macchina bellica statunitense sta rendendo il mondo meno sicuro non solo per gli americani, ma per tutti gli abitanti del mondo.

Oggi ci sono più gruppi militanti rispetto a quando è iniziata la cosiddetta “guerra al terrorismo” nel 2001″, ha dichiarato Stephanie Savell, ricercatrice principale del progetto. “A causa di tutte queste azioni militari statunitensi in tutto il mondo, c’è un forte contraccolpo, e oggi ci sono più reclute per questi gruppi militanti che mai. Stiamo vedendo proprio ora in Iraq e in Siria che la presenza degli Stati Uniti in questi luoghi in nome della lotta al terrorismo sta in realtà… rendendo più probabile che [le truppe statunitensi] si impegnino in azioni aggressive all’estero”, ha sottolineato il ricercatore.

In altre parole, la guerra e la violenza non fanno altro che generare altra guerra e violenza”.

Secondo Savell, l’esercito statunitense ha attualmente una “impronta” militare in 78 Paesi, ovvero il 40% delle nazioni del mondo. Il suo studio fa anche riferimento alle 800 basi militari statunitensi sparse per il mondo e alle controversie sulla definizione di “base”. Ciò crea una certa incertezza nel conteggio, con alcuni ricercatori che stimano in oltre 900 il numero di installazioni militari statunitensi nel mondo.

Dal 7 ottobre (giorno dell’attacco di Hamas agli oppressori e occupanti israeliani), le forze statunitensi e alleate in Iraq e Siria sono state attaccate un centinaio di volte, “mentre il sostegno americano al bombardamento di Gaza da parte di Israele ha alimentato la rabbia in tutto il mondo arabo”, ha affermato la signora Savell.

La sua ricerca ha anche scoperto “che gli Stati Uniti spesso forniscono finanziamenti, armi e addestramento a regimi tutt’altro che democratici. Questi usano questi strumenti per reprimere i dissidenti politici e gli oppositori politici. E questo crea e alimenta un ciclo di contraccolpi in cui questi gruppi presi di mira si uniscono poi a movimenti militanti… Gli Stati Uniti hanno fatto di tutto per usare l’esercito come strumento primario della loro politica estera. E questo non crea maggiore sicurezza per gli americani o per chiunque altro nel mondo”, afferma Savell.

In tutte queste “guerre antiterrorismo” condotte dagli Stati Uniti e dai loro volenterosi partner europei nel crimine, le élite dell’Occidente collettivo hanno continuato a fingere le loro “preoccupazioni umanitarie” con eloquenti piroette, incuranti dei milioni di civili, bambini, madri e padri che hanno ucciso. Ma di fatto, non c’è stato nessun governo, nessuna organizzazione non governativa, nessuna campagna dei media mainstream nell’Occidente USA/NATO per strappare il muso ipocrita dai volti dei criminali di Washington e dei governi dei Paesi NATO-Europei.

Non ci sono stati appelli al boicottaggio delle merci o dei film statunitensi. Non un solo evento “culturale” o sportivo statunitense è stato cancellato per protesta o boicottato da organizzazioni private, come invece avviene contro la Russia dal 24 febbraio 2022, con estrema severità e con imposizioni totalitarie che coprono tutti i livelli della nostra vita sociale e vietano tutto ciò che è russo!

Secondo il Segretario Generale della NATO Stoltenberg, la Russia ha iniziato la guerra in Ucraina solo per impedire alla NATO di espandersi ai suoi confini. Visti i terribili “precedenti” della NATO a fianco degli USA – vedi sopra – il Cremlino ha visto l’espansione dell’organizzazione terroristica nordatlantica NATO ai suoi confini come una minaccia inaccettabile per ragioni comprensibili e ha reagito di conseguenza.

Tuttavia, la reazione russa sotto forma di operazione militare speciale del 24 febbraio 2022 non è arrivata all’improvviso, ma ha avuto luogo sullo sfondo di anni di avvertimenti da parte del Cremlino sulle conseguenze dell’espansione della NATO in Ucraina. Tuttavia, i russi non sono stati gli unici a mettere in guardia i governi degli Stati Uniti e della NATO da una simile mossa; anche numerosi rinomati strateghi militari occidentali si erano ripetutamente espressi contro l’espansione della NATO in Ucraina. Il comportamento spregiudicato degli Stati Uniti e della NATO nelle loro avventure è costato la vita a mezzo milione di giovani soldati ucraini. E finché l’Occidente continuerà a fornire armi invece di ammettere i propri errori, decine di migliaia di ucraini, che dicono di voler proteggere, continueranno a morire.

Nel frattempo, gli ipocriti di Washington vengono ancora dipinti dai nostri ipocriti qui in Germania come fari della democrazia e dei diritti umani. E gran parte della popolazione non ha ancora capito cosa sta succedendo. Non c’è bisogno di aver studiato scienze politiche – che tra l’altro non sono una scienza – per capire come le masse dei lavoratori vengano derubate e come si cerchi di coprire i loro occhi con i tagli alla spesa pubblica e l’aumento delle tasse e dei contributi per finanziare le guerre.

Previous articleChi vuole 800 pesos argentini per un dollaro dagli Stati Uniti d’America?
Next articleKiev sta già pianificando la prossima offensiva di primavera?

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

four ÷ = 2