Un’azienda familiare redditizia mantiene in vita le guerre USA/NATO

Leviathan Stati Uniti d'America. © CC dalla Marina Militare USA

Berlino, Germania (Weltexpress). Fate la conoscenza dell’influente famiglia guerrafondaia Kagan a Washington. Uno dei suoi membri è l'”Istituto per lo studio della guerra”. Le sue discutibili “analisi” sull’Ucraina sono considerate “l’ultima parola sulla verità” anche dai politici tedeschi e dai loro rappresentanti nei media tradizionali.

L’Istituto per lo studio della guerra (ISW) è una fabbrica di propaganda e disinformazione finanziata dal complesso militare-industriale statunitense (MIC) e gestita da importanti guerrafondai neoconservatori. Nell’establishment della politica di sicurezza del “Collettivo Occidentale”, strettamente intrecciato, gli scritti anti-russi, ma soprattutto infiammatori dell’ISW, che sono personalmente diretti contro lo “Zar Putin il Terribile”, sono spesso citati come i risultati di una seria ricerca di un istituto scientifico per giustificare la guerra per procura USA/NATO contro la Russia.

Anche le emittenti governative tedesche ARD, ZDF, DLF, DW ecc. hanno ripetutamente arricchito i loro notiziari con notizie fortemente abbellite sulla vittoria dell’esercito ucraino, citando l'”Istituto per lo studio della guerra”. Secondo questi resoconti, l’Ucraina sta combattendo con successo per i suoi valori democratici e la libertà dell’Europa contro i disumani barbari russi. Si applica sempre la stessa regola: “Se la realtà non corrisponde ai desideri, allora c’è qualcosa di sbagliato nella realtà”.

Tuttavia, questa regola funziona solo per un po’, perché nonostante le notizie ampiamente sincronizzate, alla fine non c’è modo di aggirare la realtà, nemmeno nell'”Occidente collettivo”. Alla luce della catastrofe dell’offensiva estiva e autunnale ucraina e della diminuzione o addirittura della totale mancanza di aiuti finanziari e militari da parte dell’Occidente, persino gli urlatori del “l’Ucraina vincerà” nell’assurdo gabinetto USA/NATO ora temono il collasso dell’esercito e dello Stato ucraino nel prossimo anno.

L’ISW non è stato risparmiato da questa dolorosa riscoperta della realtà. Con un nuovo, allarmante rapporto del 14 dicembre sui pericoli che minacciano gli Stati Uniti/NATO a seguito di una sconfitta ucraina, i guerrafondai neoconservatori dell’ISW cercano di salvare il salvabile. Con le loro “analisi”, secondo cui senza la continuazione dei massicci aiuti a Kiev si arriverà a una catastrofe ancora più costosa per la squadra USA/NATO, l’ISW sta cercando di riunire i gruppi divergenti di scettici sull’Ucraina negli Stati Uniti e in Europa. La disponibilità a ulteriori aiuti in denaro e armi per un valore di decine di miliardi di dollari USA per continuare la guerra deve essere rinnovata a tutti i costi. Con questa posizione, sembra che stiano bussando alle porte dei politici tedeschi che leggono le “analisi” dell’ISW.

Il fatto che questi fondi e armi supplementari vengano utilizzati per alimentare il “tritacarne” dell’artiglieria russa, principalmente con uomini ucraini, non sembra interessare nessuno su entrambe le sponde dell’Atlantico. E alla fine, sembra che la sconfitta ucraina non possa essere fermata nemmeno con più soldi e armi dall’Occidente, poiché l’Ucraina si trova di fronte al compito impossibile di trovare abbastanza uomini adatti alla difesa. La maggior parte degli uomini più in forma è già stata bruciata al fronte nelle “offensive”.

Secondo il colonnello statunitense in pensione Douglas Macgregor, le perdite ucraine sono stimate in 500.000 soldati uccisi e oltre un milione di feriti non idonei alla guerra. Macgregor ritiene difficile la prosecuzione della guerra per procura USA/NATO in Ucraina, se non altro per la mancanza di soldati in grado e disposti a combattere. Ciononostante, il 14 dicembre ISW ha avvertito che gli Stati Uniti rischiano di dover pagare “costi molto più alti” di quanto la maggior parte degli americani possa immaginare se il governo di Washington “permette ai russi” di vincere in Ucraina.

Questa “analisi” dell’ISW giunge in un momento in cui Washington si trova in un’impasse sulla possibilità o meno di continuare a finanziare Kiev a fronte del più grande buco di bilancio, sia in termini assoluti che percentuali, nella storia del governo federale statunitense. A peggiorare le cose, i democratici e la maggior parte dei repubblicani al Congresso degli Stati Uniti, così come i cittadini di tutto il Paese, sono in assoluto disaccordo su questo tema.

Tuttavia, l’ISW sta alimentando la paura nell’establishment statunitense. Secondo l’ISW, una vittoria russa significherebbe che gli Stati Uniti dovrebbero dispiegare “una parte significativa delle loro forze di terra” e “un gran numero di aerei stealth” in Europa orientale come deterrente. Questo, sostiene ancora ISW, porterebbe probabilmente Washington a dover fare una “terribile scelta” tra la difesa degli alleati della NATO in Europa (che sarebbero minacciati dal malvagio zar Putin in persona) e la protezione di Taiwan (per proteggere la provincia cinese di Taiwan dalla Cina).

“L’intero sforzo costerà una fortuna, e i costi continueranno fino a quando la minaccia russa persisterà – possibilmente all’infinito”, ha dichiarato ISW. E continua: “Aiutare l’Ucraina a mantenere i suoi confini (del 1991) attraverso il continuo sostegno militare occidentale è molto più vantaggioso e favorevole agli Stati Uniti che permettere all’Ucraina di perdere. […] Congelare il conflitto è peggio che continuare ad aiutare l’Ucraina a combattere: darebbe alla Russia solo il tempo e lo spazio per prepararsi a un’altra guerra per conquistare l’Ucraina e affrontare la NATO”.

Sarebbe quindi molto più vantaggioso, sostiene ISW, continuare ad aiutare l’Ucraina a riprendere il controllo di tutto o della maggior parte del suo territorio ora, in quanto ciò allontanerebbe le forze russe più a est. Inoltre, “… aiutare l’Ucraina a vincere e poi aiutarla a ricostruire creerebbe la più grande e più efficace potenza militare del continente europeo, amica degli Stati Uniti. L’Ucraina sarà in prima linea nella difesa della NATO (a est), indipendentemente dal fatto che alla fine si unisca o meno all’Alleanza”.

Questa “analisi” dell’ISW è stata presentata dalla famiglia guerrafondaia statunitense probabilmente più influente, i Kagan. Nel 2014, la rivista statunitense Politico ha pubblicato un elenco delle cinquanta persone più influenti di Washington. Tra di loro c’erano i due vice-segretari di Stato americani per gli Affari europei ed eurasiatici, Victoria Nuland, e suo marito, Robert Kagan, senior fellow presso il think tank di fama mondiale Brookings Institution e neoconservatore di primo piano fin dall’inizio. Ciò significa che Robert Kagan è corresponsabile della propaganda menzognera utilizzata per condurre le guerre statunitensi dopo l’11 settembre, dall’Afghanistan all’Iraq e alla Siria.

La mangia-russi Victoria (Fuck-the-EU)-Nuland, i cui genitori ebrei sono fuggiti dall’Unione Sovietica per gli Stati Uniti, ha ovviamente ereditato il loro odio per tutto ciò che è russo. Nuland è l’architetto del Maidan di Kiev. Questo ha portato al sanguinoso rovesciamento dell’ultimo governo democraticamente eletto in Ucraina da parte di estremisti di destra e fascisti autori di violenze. Secondo la Nuland, Washington ha speso cinque miliardi di dollari per i preparativi del colpo di Stato, durati anni.

Nel già citato articolo di Politico del 2014, i coniugi Robert Kagan e Victoria Nuland erano già all’epoca descritti come la “coppia di potere americana per eccellenza”. Un anno dopo, il reporter investigativo statunitense Robert Parry, che negli anni ’80 aveva portato alla luce lo scandalo Iran-Contra, ha scritto sul format online ConsortiumNews, sotto il titolo: “Un affare di famiglia con la guerra infinita”, che Victoria Nuland e Robert Kagan “… hanno un grande affare di famiglia in corso. Dal Dipartimento di Stato, lei scatena le guerre, e sulle pagine dei commenti dei principali media, lui invita il Congresso a comprare più armi. Questo ripaga anche il negozio di famiglia quando le grate corporazioni del complesso militare-industriale investono molti soldi per gli studi nei think tank dove lavorano altri membri della famiglia Kagan”.

Continua: “L’improvviso crollo dell’assistenza occidentale porterebbe probabilmente, prima o poi, al collasso della capacità dell’Ucraina di fermare l’esercito russo. Date le comprovate intenzioni ostili della Russia nei confronti della NATO e le sue potenziali capacità militari lungo quasi tutto il confine orientale della NATO, l’Occidente sarebbe costretto a prepararsi a difendersi da un’eventuale azione russa contro la NATO. Il costo di queste difese sarebbe astronomico e sarebbe probabilmente accompagnato da un periodo di rischio molto elevato. Il continuo sostegno all’Ucraina offre quindi all’Occidente la migliore opportunità di evitare questi costi e l’espansione della minaccia russa”.

Nel frattempo, sempre più voci nei media europei e statunitensi incolpano “i politici occidentali” per la crescente stanchezza da guerra della popolazione dei Paesi NATO. Ad esempio, un commento del Financial Times britannico (FT) ha accusato i capi di Stato e di governo occidentali di aver fatto credere ai loro cittadini, per “puro populismo”, che la soluzione del conflitto ucraino (cioè la vittoria dell’Ucraina) sarebbe stata “facile” e veloce, purché l’Occidente avesse fornito a Kiev armi e denaro sufficienti.

In realtà, però, l’UE non è in grado di mantenere la promessa di fornire all’Ucraina un milione di proiettili di artiglieria da 155 mm, poiché le capacità produttive dei Paesi dell’UE non sono sufficienti nemmeno per una frazione significativa della quantità promessa. Tuttavia, non solo l’opinione pubblica è sempre meno interessata al conflitto in Ucraina, ma l’autore del FT ha anche notato un “evidente cambiamento” nel discorso occidentale, con i media occidentali che si concentrano sempre più sulle dispute politiche interne in Ucraina e Selensky viene percepito in una luce sempre più negativa.

Previous articleContinua la recessione in Finlandia
Next articleLa NATO e l’UE dovranno convivere con più Russia in futuro (Parte 1/2)

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

43 − forty one =