Berlino, Germania (Weltexpress). In un articolo congiunto, due ex funzionari dell’amministrazione statunitense hanno affermato che Washington dovrebbe accettare il fatto che, per quanto denaro possa essere investito in Ucraina, l’esito della guerra non cambierà. Questo perché la Russia ha la motivazione, la volontà di ferro e i mezzi militari per prevalere in Ucraina.

Chiunque abbia analizzato l'”Operazione militare speciale” russa in Ucraina negli ultimi 24 mesi avrà notato che la leadership russa non è mai stata interessata a guadagnare quanto più terreno possibile nel più breve tempo possibile. Uno dei motivi è sempre stato quello di preservare le vite dei propri soldati e di incoraggiare il nemico a difendere aree che in realtà erano estremamente inadatte alla difesa o ad attaccare posizioni impossibili da conquistare con le attuali capacità dell’Ucraina. In entrambi i casi, l’Ucraina ha subito perdite sproporzionate.

Inoltre, raramente i russi hanno caricato in linea retta verso il loro obiettivo reale, che chiameremo “C”. Per raggiungere “C”, i russi di solito prendevano prima una deviazione attraverso la pietra miliare “A”. Solo dopo averla raggiunta e messa in sicurezza, tornavano alla posizione “B” con il minor numero di perdite possibile, da dove si apriva la strada per un raggiungimento relativamente indolore dell’obiettivo reale “C”.

La leadership politica e militare ucraina, sotto la supervisione generale dei generali della NATO, ha abbracciato pienamente questa tattica dei russi, cadendo così sempre nella trappola. La priorità dell’Ucraina era chiaramente quella di ottenere rapide vittorie propagandistiche. Una parte significativa del sostegno finanziario e militare dell’Occidente, e soprattutto degli Stati Uniti, dipendeva dall’immagine dell’esercito ucraino “vittorioso”.

Sebbene gli ucraini abbiano subito perdite estremamente elevate di soldati e di materiale bellico a causa delle tattiche di combattimento russe, negli ultimi mesi Kiev è stata in grado di ingannare i suoi sostenitori occidentali facendo credere che fosse in corso una situazione di stallo militare. Poiché la linea del fronte è stata piuttosto statica per molto tempo, Kiev è stata in grado di ignorare in larga misura i propri fallimenti.

Solo dopo la recente cattura di Avdeyevka da parte dei russi, lo stato disastroso dell’esercito ucraino è diventato chiaramente visibile. I segni di esaurimento delle forze armate ucraine si sono manifestati nel rifiuto di massa di obbedire agli ordini, nella resa di intere unità o nella fuga in preda al panico, abbandonando i compagni feriti, le armi e le munizioni. Anche i più brillanti propagandisti dei “media di qualità” occidentali non sono riusciti a trasformare questa catastrofe in vittorie ucraine o in ritirate ordinate per spianare il fronte.

In questo contesto, i due ex membri di alto rango del governo statunitense hanno sostenuto nel loro articolo ai membri del Congresso di votare contro i 60 miliardi di dollari richiesti dal Presidente degli Stati Uniti Biden per l’Ucraina. L’Ucraina aveva già perso e quindi “i soldi buoni non dovrebbero essere buttati dietro ai soldi cattivi”.

Segue la mia traduzione dell’articolo congiunto di Ray McGovern, ex ufficiale dei servizi segreti dell’esercito e poi capo della divisione sovietica della CIA; dal 1981 al 1985 è stato anche responsabile dei rapporti quotidiani della CIA sulla situazione per il Presidente degli Stati Uniti. Il secondo del gruppo è l’ex colonnello delle forze armate statunitensi Lawrence Wilkerson. È stato capo dello staff del Segretario di Stato Colin Powell al Dipartimento di Stato americano e poi professore al College of William & Mary. In un’intervista su YouTube di qualche giorno fa, McGovern ha spiegato che lui e Wilkerson avevano proposto il loro articolo a diversi media mainstream statunitensi, come il New York Times, il Washington Post e altri, ma nessuno aveva mostrato interesse. Alla fine è stato pubblicato sul sito web di Consortium News.

Inizio della traduzione:

Mentre i membri della Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti sono alle prese con l’opportunità di dare all’Ucraina altri 60 miliardi di dollari, devono anche confrontarsi con la natura mutevole delle informazioni che sono state loro fornite. Il 13 luglio 2023, il presidente Joe Biden ha annunciato che il presidente russo Vladimir Putin “ha già perso la guerra”. Questo sei giorni dopo che il direttore della CIA William Burns, di solito una voce ragionevole, aveva definito la guerra un “fallimento strategico” per la Russia perché “ha esposto le debolezze militari della Russia”.

In precedenza, nel dicembre 2022, il direttore della National Intelligence, Avril Haines, (il capo supremo delle attuali 16 agenzie di intelligence statunitensi) aveva riferito che i russi soffrivano di “carenza di munizioni” e “non sono in grado di produrre ciò che consumano”. Tuttavia, consigliamo cautela, poiché queste stesse persone ora dicono che l’Ucraina può vincere solo se gli Stati Uniti forniscono altri 60 miliardi di dollari. Queste persone pensano che la geografia sia cambiata nel frattempo, o che possano superare la potenza industriale russa, o convincere i russi che l’Ucraina non deve più essere uno dei loro interessi principali?

Le ragioni di Obama

Ricordiamo le ragioni del Presidente Barack Obama per non voler fornire armi letali all’Ucraina. Nel 2015, il New York Times ha riportato la riluttanza di Obama come segue: “In parte, ha detto a consiglieri e visitatori che armare gli ucraini di Kiev promuoverebbe l’idea che potrebbero effettivamente sconfiggere i russi, molto più potenti, e questo potrebbe attirare una risposta più forte da Mosca”.

Un alto funzionario del Dipartimento di Stato americano ha spiegato la questione in questo modo: “Se si gioca sul terreno militare in Ucraina, si gioca contro la forza della Russia, perché la Russia è proprio accanto. Ha un’enorme quantità di equipaggiamento militare e di potenza militare proprio sul confine. Qualsiasi cosa facciamo come Paesi [NATO] in termini di sostegno militare all’Ucraina sarà probabilmente raddoppiata, triplicata e quadruplicata dalla Russia”.

Queste parole sono state pronunciate dall’allora vicesegretario di Stato americano (e attuale segretario di Stato americano) Antony Blinken a un pubblico a Berlino il 5 marzo 2015. Si è scoperto che il Presidente Obama aveva ragione. È difficile capire perché Blinken (e Biden) abbiano scelto la strada del Presidente Donald Trump, che è stato il primo a consegnare armi letali all’Ucraina, piuttosto che quella di Obama. Alla faccia della geografia e della forza relativa.

E che dire degli interessi fondamentali? Nel 2016, il Presidente Obama ha dichiarato a The Atlantic che l’Ucraina era un interesse centrale della Russia, ma non degli Stati Uniti. Ha messo in guardia dall’escalation del dominio russo: “Dobbiamo essere chiari su quali sono i nostri interessi fondamentali e su cosa siamo disposti a fare la guerra”.

In un periodo precedente, quando William Burns era ancora ambasciatore in Russia e più sensibile, aveva messo in guardia Washington dalla “reazione emotiva e nevralgica” di Mosca all’ammissione dell’Ucraina nella NATO. Quando fu contattato dal Ministro degli Esteri Sergei Lavrov nel febbraio 2008, Burns riferì che l’opposizione della Russia era basata su “preoccupazioni strategiche circa l’impatto sugli interessi della Russia nella regione”. In quell’occasione ha avvertito che “la Russia si sente ora in grado di rispondere con più forza”. Burns ha aggiunto: “In Ucraina, questo include il timore che la questione (NATO) possa potenzialmente dividere l’Ucraina in due, portando alla violenza o addirittura, secondo alcuni, alla guerra civile, che costringerebbe la Russia a decidere se intervenire”.

Cambio di regime a Kiev il 18 febbraio 2014

Il rovesciamento del presidente ucraino Viktor Yanukovych nel febbraio 2014 ha dimostrato gli avvertimenti della Russia sull’Ucraina e i suoi timori che l’Occidente tentasse di provocare un “cambio di regime” anche in Russia. In un importante commento intitolato “Russian Military Power” (Potenza militare russa) pubblicato nel dicembre 2017, la Defense Intelligence Agency (DIA) statunitense ha concluso: “Il Cremlino è convinto che gli Stati Uniti stiano gettando le basi per un cambio di regime in Russia, una convinzione rafforzata dagli eventi in Ucraina. Mosca considera gli Stati Uniti come la principale forza trainante della crisi ucraina e della primavera araba e ritiene che il rovesciamento dell’ex presidente ucraino Yanukovych sia l’ultimo passo di un modello consolidato di sforzi di cambio di regime orchestrati dagli Stati Uniti”.

Putin è paranoico riguardo agli “sforzi statunitensi per un cambio di regime”? La DIA non pensa che sia paranoico. E sicuramente Putin ha preso nota delle dichiarazioni del Segretario alla Difesa Lloyd Austin nell’aprile 2022: “Uno degli obiettivi degli Stati Uniti in Ucraina è quello di vedere una Russia indebolita (…) Gli Stati Uniti sono pronti a muovere cielo e terra per aiutare l’Ucraina a vincere la guerra contro la Russia”.

Riassumendo: La Russia ha sia la volontà che i mezzi per prevalere in Ucraina – non importa quanti dollari e armi l’Ucraina riceva.
Obama aveva ragione: la Russia vede nell’Ucraina una minaccia esistenziale da parte dell’Occidente. E le potenze nucleari non tollerano minacce esistenziali ai loro confini. La Russia lo ha imparato a sue spese a Cuba nel 1962.

Dopo tutto, non ci sono prove che Putin minaccerà altri Paesi europei dopo l’Ucraina. La vecchia Unione Sovietica e il suo impero sono ormai lontani. Pertanto, le recenti dichiarazioni del Presidente Trump, che mettono in dubbio l’impegno degli Stati Uniti a difendere i Paesi della NATO da una minaccia effettivamente inesistente, sono insensate e puramente roboanti.

Gli Stati Uniti dovrebbero accettare che nessuna somma di denaro statunitense cambierà la volontà e i mezzi della Russia di prevalere in Ucraina.

Previous articleSonnambuli verso la guerra nucleare!

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

10 × one =