Gran Canaria (Weltexpress). Una cosa si può dire dopo la pandemia e i suoi orrori: le destinazioni di vacanza preferite dai tedeschi sono ancora tali. Anche se tutto è diventato più costoso. Più che mai, jet di vacanzieri volano in alto nel cielo: a Maiorca e Ibiza, in Egitto e in Spagna. E alle Isole Canarie.

Una di queste è Gran Canaria, come le sue sorelle canarie di origine vulcanica. È un’isola per gli amanti del sole, e lo è quasi tutto l’anno. Statisticamente, Clärchen è nascosta dietro le nuvole solo 16 giorni all’anno. I periodi migliori per viaggiare sono quelli che vanno da aprile a ottobre, ma anche in inverno Gran Canaria rimane mite con temperature intorno ai 20°. Forse per alcuni non è abbastanza accogliente, ma è sempre più piacevole del tempo sporco e dei venti gelidi. Almeno per la maggior parte delle persone!

Molti piccoli ristoranti e caffè invitano a soffermarsi. © Foto/caption: Eva-Maria Becker, Foto: Gran Canaria, 24.10.2022

Soprattutto il sud dell’isola, con Costa Canaria, è una delle destinazioni preferite dai tedeschi: sole a volontà, hotel e appartamenti per vacanze di tutte le categorie, cibo delizioso e cocktail caraibici, spiagge di sabbia fine e chiara sull’Atlantico cristallino, intrattenimento e animazione per chi ne ha bisogno. Questo tratto di costa è continuamente edificato da Bahía Feliz a est fino a Pasito Blanco a ovest. La Costa Morgán si estende più a ovest, dove è più tranquilla e tipica del paese.

Sulle montagne di Gran Canaria. © Foto/didascalia: Eva-Maria Becker, Foto: Gran Canaria, ottobre 2022

Si dice che Gran Canaria sia stata abitata già nel 500 a.C.. Si dice che le popolazioni indigene, note come Guanches, siano arrivate sull’isola dal Nord Africa. Vivevano in modo molto primitivo, principalmente in grotte o capanne fatte di pietre di campo con un tetto di ramoscelli. È difficile da credere: gli abitanti dell’antico Egitto avevano già costruito le enormi piramidi di Giza, pianificate in modo matematicamente preciso, due millenni(!) prima.

Ovunque nelle valli si possono scoprire piccoli villaggi idilliaci. © Foto/didascalia: Eva-Maria Becker, Foto: Gran Canaria, ottobre 2022

Le Isole Canarie furono realmente scoperte nel XIV secolo dai navigatori del Mediterraneo. Ma questo mise anche fine alla vita fino ad allora tranquilla dei circa 30.000 Guanci di Gran Canaria. Italiani, portoghesi e catalani inviarono le loro navi sulle isole. Fu il re di Castiglia a inviare Pedro de Vera sull’isola per conquistarla.

Nel 1483 ci riuscì, nonostante la feroce resistenza degli indigeni che durò cinque anni. Molti di loro furono uccisi o si suicidarono piuttosto che arrendersi agli spagnoli. I sopravvissuti furono ridotti in schiavitù e costretti a convertirsi al cristianesimo. Alla fine il popolo Guanche si estinse.

In uno degli eleganti resort di Meloneras. © Foto/didascalia: Eva-Maria Becker, Foto: Gran Canaria, ottobre 2022

Pedro de Vera fondò la città di Real de las Palmas – l’attuale Las Palmas de Gran Canaria – nel nord dell’isola, alla foce del fiume Guiniguada, come capitale con una popolazione di circa 400.000 abitanti. Si sviluppò fino a diventare il centro amministrativo delle Canarie con il Tribunale della Santa Inquisizione, la Corte Reale e il Vescovado delle Canarie.

A partire dalla seconda metà del XIX secolo, Gran Canaria divenne popolare come località di villeggiatura per turisti e malati. Per questo motivo, le compagnie di navigazione iniziarono a offrire cabine speciali per i viaggiatori sulle loro navi da carico. E si adoperarono per la costruzione di alberghi sull’isola.

Vicolo di Puerto de Morgán. © Foto/didascalia: Eva-Maria Becker, fotografia: Gran Canaria, ottobre 2022

Il “Santa Catalina” di Las Palmas de Gran Canaria ricevette i primi ospiti già nel 1890. Tra l’altro, è l’unico hotel di quel primo periodo del turismo che è ancora aperto oggi. Il centro storico di Las Palmas si chiama Vegueta ed è considerato la città coloniale più antica della Spagna. Anche dopo 500 anni, è ancora possibile percepire lo splendore e il fascino degli anni della fondazione. La Catedral de Santa Ana, sull’omonima piazza, domina il centro storico, il cui lungomare Calle Mayor de Triane, fiancheggiato da case in stile Art Nouveau, invita a passeggiare con piccole boutique e caffè. L’antico palazzo Montesdeoca promette particolari specialità culinarie.

Ma la maggior parte dei vacanzieri è attratta dal sud dell’isola, con la sua abbondanza di hotel e resort, soprattutto a Playa del Ingles, Maspalomas, Meloneras e Puerto Rico, una città alberghiera a terrazze costruita sul fianco della collina con un centro di sport acquatici. Questi luoghi sono solitamente vivaci. I richiami degli animatori e della musica da discoteca, spesso fino a notte fonda, non possono essere ignorati.

Ma c’è anche molto da offrire, fino all’assistenza completa ai turisti ad alto livello. Basta guardare i grandiosi buffet serali, con tutto ciò che il cuore desidera. Gli amanti degli sport acquatici possono praticare snorkeling, immersioni, surf, banana boat e jet ski. Chilometri di spiagge sabbiose e piccole baie idilliache invitano a nuotare e a prendere il sole.

Capitaneria di porto di Mogán. © Foto/didascalia: Eva-Maria Becker, fotografia: Gran Canaria, ottobre 2022

Chi preferisce un’atmosfera più tranquilla e autentica deve dirigersi ancora più a ovest. Qui si trova la piccola località balneare di Puerto de Mogán. Un tempo era un villaggio di pescatori che si è sviluppato nel rispetto del suo stile. Piccole case colorate, caffè e ristoranti, negozi e boutique costeggiano i pittoreschi vicoli. Il villaggio è situato su un ripido pendio e su una baia con una spiaggia balneabile. Piccoli corsi d’acqua conducono dal villaggio al porto. Per questo motivo Mogán è anche chiamata “Piccola Venezia”.

Al porto. © Foto/didascalia: Eva-Maria Becker, fotografia: Gran Canaria, ottobre 2022

Ma Gran Canaria non è solo costa. Se si vuole conoscere veramente l’isola, bisogna andare al suo centro. Lì, il mondo delle montagne si estende per 2000 metri nel cielo. Gole bizzarre, giardini subtropicali con ripidi pendii con palme, agavi e grandi cactus conferiscono a questa regione il suo carattere speciale. Se visitate la zona in gennaio o febbraio, sarete sorpresi da un mare di mandorli in fiore in questo paesaggio selvaggio. Anche chi si reca in montagna in estate rimarrà sorpreso: qui può fare 20° C in meno rispetto al mare!

Previous articleSorveglianza e punizione: “Legge sul controllo delle chat” o “No alla sorveglianza di massa!”
Next articleStato di emergenza in Israele

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

+ 50 = fifty two