Stato di emergenza in Israele

Quelle: Pixabay, Foto: Bruce Emmerling

Gerusalemme, Israele; Vienna, Austria (Weltexpress). Israele si è sempre definito – e a ragione – l’unica democrazia, l’unico Stato costituzionale del Medio Oriente. Questo status eccezionale sembra ora essere fortemente in pericolo alla luce della “riforma giudiziaria” ordinata dal Primo Ministro Benjamin Netanyahu e dai suoi seguaci. Ogni giorno, centinaia di migliaia di cittadini indignati di orientamento liberal-democratico manifestano per le strade di Israele contro uno sviluppo che, a loro avviso, sta andando verso il fascismo. Anche centinaia di veterani del servizio segreto nazionale Shin Bet sono scesi in piazza. È ironico che a loro si siano uniti i membri dell’unità di commando Sayeret Matkal, leggendaria dai tempi di Entebbe: il fratello di Benjamin Netanyahu “Yoni”, l’eroico comandante di questa unità, è morto in quell’operazione di salvataggio degli ostaggi – e la sua genialità si è indubbiamente trasmessa al fratello.

Il fatto che lo squadrone d’élite numero 69 dell’aeronautica israeliana, la spina dorsale della difesa di Israele, che vola con i tecnologici caccia F-15 Thunderbird, abbia minacciato di rifiutarsi di volare per protestare contro la minaccia alla democrazia israeliana, rappresenta una sfida senza precedenti alla pretesa patriottica di Netanyahu di difendere l’esistenza e la sicurezza di Israele con ogni mezzo.

La scena politica interna di Israele non è mai stata in pace dalla fondazione dello Stato ebraico nel 1948. L’incessante minaccia esterna da parte degli Stati arabi, gli innumerevoli atti di terrorismo, i cambiamenti tettonici permanenti nella composizione etnica e politica di Israele in questo Stato, l’afflusso di numerosi ebrei dagli Stati arabi e dalla Russia con scarsa comprensione della democrazia e della protezione delle minoranze, la crescente influenza dell’ortodossia non hanno mai permesso a questo Stato di stabilizzarsi nei suoi 75 anni di esistenza. Quando visitai Israele per la prima volta nel 1968, un anno dopo la Guerra dei Sei Giorni, c’era una cieca euforia per quella spettacolare vittoria. La questione dei territori appena occupati e dei loro abitanti palestinesi fu soppressa e il problema fu criminalmente sottovalutato. L’occupazione provvisoria divenne una dominazione permanente. Gli insediamenti ebraici, terreno fertile per il fanatismo religioso-nazionalista, sorsero ovunque. I palestinesi, a loro volta, non avevano una leadership costruttiva disposta a fare la pace. Invece sono arrivate l’intifada e le cinture esplosive assassine. Nel frattempo, muri protettivi alti un metro tagliano il paesaggio biblico, l’esercito reprime sempre più duramente gli estremisti palestinesi e lascia che i coloni si scatenino. La situazione in Israele sta diventando sempre più preoccupante: la realizzazione del vecchio sogno di pace è diventata una prospettiva lontana. Ma è proprio ora che il mondo non dovrebbe rifiutare il sostegno a Israele.

Previous articleNata dal mare – Lava nera, lunghe spiagge di sabbia bianca, enormi dune e gole selvagge caratterizzano Gran Canaria
Next articleNiente di nuovo a Hollywood: gli Oscar!

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

sixty nine + = seventy seven