Tentativo di formare un blocco contro la Cina al vertice del G7

Un cane da compagnia crea piccoli uomini. Fonte: Pixabay, Foto: huoadg5888

Berlino, Germania (Weltexpress). Quando il padrone fischia a Washington, il docile cagnolino dell’UE a Bruxelles si alza sulle zampe posteriori e abbaia all’elefante cinese. Non è stato molto diverso al vertice del G7 che si è appena concluso.

Non c’è altro modo per spiegare il comportamento della Commissione europea in merito ai nuovi dazi sulle importazioni dalla Cina. L’immagine di un fronte unito contro la Cina si è ripetuta al vertice del G7 in Puglia (Italia meridionale) alla fine della scorsa settimana, anche se con un numero maggiore di cagnolini, con giapponesi, britannici e canadesi che hanno dimostrato con stile di padroneggiare lo stesso dressage di Washington di tedeschi, francesi e italiani.

Il fatto che la Cina sia stata citata 28 volte nel comunicato dei capi di Stato e di governo del G7 non è una sorpresa per gli analisti cinesi. Il Global Times, giornale in lingua inglese con sede a Pechino, afferma ad esempio che “l’ipocrita dichiarazione” (contenuta nel comunicato finale del G7), realizzata ad arte, rivela i tentativi dell’Occidente guidato dagli Stati Uniti di incolpare la Cina per gettare le basi di un futuro scontro in blocco tra l’Occidente, proclamato paradiso delle virtù democratiche, e le malvagie autocrazie incarnate da Cina e Russia.

In effetti, nel comunicato dei capi di Stato e di governo del G7 pubblicato sul sito web della Casa Bianca venerdì della scorsa settimana, la Cina è indicata come il principale obiettivo. In esso, il G7 ha accusato in modo infondato la Cina delle peggiori infrazioni su un ampio spettro:

  • la mancata condanna da parte di Pechino della Russia nella crisi ucraina
  • il fatto che Pechino non stia seguendo le linee guida occidentali nella crisi climatica (presumibilmente causata dall’uomo)
  • che la Cina non sta collaborando con l’Occidente nell’ambito della sicurezza informatica
  • che Pechino insiste sulla propria sovranità nazionale nella questione di Taiwan e sulla validità legale dell’accordo USA-Cina sulla “politica di una sola Cina”
  • che la Cina sia l’unica responsabile delle tensioni nel Mar Cinese Meridionale
  • che la leadership di Pechino è colpevole di gravi violazioni dei diritti umani nello Xinjiang e in Tibet, tra gli altri luoghi.

Allo stesso tempo, a margine del vertice del G7 è stato annunciato un piano presumibilmente concordato da tutti e sette i Paesi per ammonire e sanzionare le piccole banche cinesi a causa dei loro legami con la Russia. Ma secondo le prime reazioni di Pechino, nemmeno questo funzionerà perché – come ha scritto Charles Liu, Senior Fellow del Taihe Institute di Pechino, sul Global Times – “queste banche non conducono molte transazioni in dollari, quindi qualsiasi sanzione contro di loro avrà un effetto molto limitato”.

D’altra parte, queste banche regionali, che fino a poco tempo fa erano piccole, ora gestiscono un volume enorme e crescente di transazioni in yuan e rubli. Il loro problema principale è che il volume di queste transazioni è aumentato così tanto negli ultimi due anni che possono sorgere problemi durante il regolamento. Ma come sappiamo, i cinesi imparano in fretta e dove c’è una volontà, c’è un modo, quindi il problema è al massimo temporaneo. D’altra parte, l’abbandono del dollaro rimarrà in vigore a lungo termine.

Nel frattempo, le élite democraticamente non elette dell’UE, che sono state issate al timone delle istituzioni europee con accordi politici sottobanco dai vassalli statunitensi nei governi europei, adotteranno misure e leggi a spese dei popoli europei che servono principalmente agli obiettivi statunitensi e ai loro interessi dipendenti dagli USA. Ciò include anche il posizionamento dell’Europa contro la Cina, indipendentemente dal numero di posti di lavoro europei persi a causa di una guerra commerciale con la Cina.

Poche settimane prima del vertice del G7, Washington ha deciso unilateralmente, cioè senza consultare i suoi vassalli dell’UE, di provocare Pechino con un’altra escalation di misure politiche ed economiche. Tra queste, l’imposizione di tariffe dal 75 al 100% sull’importazione di auto elettriche tecnologicamente molto superiori e a basso costo dalla Cina, per motivi inconsistenti. Su richiesta di Washington, la Commissione europea ha seguito l’esempio come un barboncino obbediente degli Stati Uniti e ha imposto un dazio all’importazione di quasi il 40% sulle auto elettriche cinesi.

Né i cittadini degli Stati membri né i loro parlamenti nazionali sono stati consultati dalla Commissione UE, poiché i parlamenti nazionali avevano già ceduto anni fa la loro sovranità nazionale in materia di commercio internazionale, comprese le decisioni sulle sanzioni contro altri Paesi, alle eminenze grigie democraticamente non elette della Commissione UE in un atto di idiota euforia europea.

La Commissione UE è guidata dall’inqualificabile signora von der Leyen, che finora è sopravvissuta indenne a tutte le vecchie e – in relazione alla società farmaceutica Pfizer – ancora pendenti accuse di corruzione. E se Washington farà la sua parte, la von der Leyen resterà in carica per i prossimi cinque anni e renderà l’Europa “pronta alla guerra”, continuando a utilizzare il denaro che confluisce nel “Fondo europeo per la pace” istituito nel 2019 per acquistare armi per l’Ucraina. Orwell vi saluta.

Per concludere questo articolo, torniamo brevemente al vertice del G7, con il quale Washington stava ovviamente perseguendo anche il piano di creare le suddette basi per formare un blocco contro Cina e Russia. A tal fine, alcuni importanti Paesi del Sud globale sono stati invitati a colloqui a margine del vertice. Tra gli altri, anche i membri fondatori dei BRICS, Sudafrica, Brasile e India, hanno organizzato la loro partecipazione al vertice del G7 in Puglia.

Ma tutti i tentativi di attirare questi tre Paesi BRICS o altri Paesi del Sud globale – con l’eccezione dell’Argentina in bancarotta – nel blocco del G7 sono falliti miseramente. Lo dimostra non solo l’esito del G7 nel Sud Italia, ma anche il risultato del grande spettacolo di propaganda USA/NATO/UE immediatamente successivo alla “Conferenza di pace sull’Ucraina” sul Bürgenstock svizzero con l’ex presidente e macellaio del suo stesso popolo, Vladimir Selensky.

L’incapacità del G7 di conquistare i membri del BRICS presenti al vertice in Italia è stata dovuta non da ultimo al fatto che l’egemone statunitense, insieme all'”Occidente collettivo”, si è presentato in una condizione di degrado senza precedenti in termini di politica interna, diplomazia, geostrategia e anche militarmente. Allo stesso tempo, molti Paesi del “Sud globale” vedono nella Cina, nella Russia, nell’India, nel Brasile e nel Sudafrica i fari della speranza di un nuovo ordine mondiale basato sulla cooperazione internazionale volontaria per il reciproco vantaggio economico e sociale. Il Ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov ha così definito: “I BRICS sono un’associazione in cui i principi della cooperazione paritaria – rispetto reciproco, apertura, pragmatismo, solidarietà, continuità e, naturalmente, consenso – non si realizzano solo a parole, ma anche nella realtà”.

Di conseguenza, l’elenco dei nuovi candidati all’adesione o allo status di partner BRICS+ si è allungato a 28 Paesi: Algeria, Azerbaigian, Bangladesh, Bahrein, Bielorussia, Bolivia, Venezuela, Vietnam, Honduras, Zimbabwe, Indonesia, Kazakistan, Cuba, Kuwait, Marocco, Nigeria, Nicaragua, Palestina, Pakistan, Senegal, Siria, Thailandia, Turchia, Uganda, Ciad, Sri Lanka, Guinea Equatoriale, Eritrea e Sud Sudan. La decisione sarà presa al vertice dei BRICS, che si terrà in ottobre a Kazan, capitale della Repubblica russa del Tatarstan.

Nell’ambito dei preparativi culturali per la conferenza sull’allargamento dei BRICS di ottobre, il 12 giugno a Kazan si è svolta per la prima volta in Russia la cerimonia di apertura dei Giochi sportivi BRICS. Ai giochi partecipano circa 4.000 atleti provenienti da oltre 90 Paesi del mondo. È plausibile che i Giochi sportivi dei BRICS, privi di sanzioni politiche, acquistino maggiore importanza in gran parte del mondo rispetto ai Giochi olimpici, poiché questi ultimi sono troppo spesso utilizzati impropriamente dall’Occidente collettivo a fini di potere politico e di propaganda.

Previous articleNon buttate via i soldi buoni con quelli cattivi in Ucraina

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

3 × = twelve