Sonnambuli verso la guerra nucleare!

Test di una bomba nucleare da parte degli Stati Uniti d'America nel Pacifico. Fonte: Pixabay

Berlino, Germania (Weltexpress). Durante il vertice dei ministri degli Esteri del G20 a Rio de Janeiro, alcune dichiarazioni di Sergei Lavrov hanno fatto venire i brividi a molti ascoltatori. Secondo il Ministro degli Esteri russo, il mondo sta attualmente vivendo la quasi completa distruzione delle fondamenta del sistema di contenimento dei rischi di un conflitto nucleare.

A margine dell’incontro che si terrà a Rio de Janeiro il 21 e 22 febbraio 2024, Lavrov ha spiegato che le barriere contro uno scivolamento accidentale verso la guerra nucleare, negoziate di comune accordo tra l’URSS e gli Stati Uniti durante la Guerra Fredda e costruite con tanta cura, vengono attualmente smantellate dalle azioni irrazionali dell’Occidente. In altre parole, tutto ciò che si temeva da entrambe le parti del conflitto sistemico durante i giorni peggiori della Guerra Fredda sta accadendo.

Tutti gli ostacoli accuratamente costruiti per prevenire la guerra nucleare sotto forma di trattati di limitazione degli armamenti, come i limiti massimi ai missili balistici intercontinentali e al numero e all’efficacia delle testate nucleari, e successivamente sotto forma di accordi per lo smantellamento delle armi nucleari e dei sistemi di lancio, nonché i relativi trattati sulle misure di rafforzamento della fiducia, sulla trasparenza delle forze armate e sulla verifica reciproca del rispetto degli accordi – tutto questo è stato smantellato unilateralmente e sistematicamente, passo dopo passo, dagli Stati Uniti dopo la dissoluzione dell’Unione Sovietica nel 1991 e consegnato alla spazzatura.

Nei precedenti 50 anni di Guerra Fredda, nel mezzo di un equilibrio di terrore e di totale annientamento reciproco, intere generazioni di diplomatici degli Stati Uniti e dell’URSS hanno infine lavorato con successo per creare un minimo di sicurezza reciproca. Questo risultato non è stato ottenuto con un numero maggiore o migliore di armi. Piuttosto, la strada giusta per raggiungere l’obiettivo è iniziata con la ricerca della comprensione reciproca e la volontà di vedere la situazione dal punto di vista dell’avversario, di riconoscere le linee rosse dell’avversario e di capire e rispettare perché è così e non altrimenti.

È stato inoltre importante che entrambe le parti si rendessero conto che, se si vogliono fare progressi nella creazione di un sistema di sicurezza accettabile per entrambe le parti, è necessario tenere conto delle linee rosse o delle maggiori preoccupazioni dell’avversario. In poche parole, la mia sicurezza non deve essere raggiunta rendendo l’altra parte più insicura, perché questo porterebbe solo a una nuova corsa agli armamenti e a una maggiore insicurezza. L’obiettivo di allora era piuttosto quello di creare un quadro in cui la mia sicurezza fosse anche la sicurezza del nemico. Se si raggiunge questo obiettivo, anche gli avversari possono diventare partner di sicurezza.

Riconoscere l’avversario come un partner negoziale alla pari è essenziale per il successo del lavoro di pace sullo sfondo della possibilità di un totale annientamento nucleare da entrambe le parti! A ciò si aggiunge la volontà reciproca di mostrare comprensione per la situazione dell’avversario, per la sua storia e la sua cultura, per i suoi problemi economici e politici e, laddove possibile, di individuare aree di interesse comune e di cooperazione. A partire dalla metà degli anni Ottanta, diplomatici e politici di entrambe le parti hanno collaborato con successo a tutto questo nell’ambito della Conferenza sulla sicurezza e la cooperazione in Europa (CSCE), impedendo al mondo di trasformare la guerra fredda tra le superpotenze in una guerra calda e portandola invece alla fine.

Oggi, a 33 anni dalla dissoluzione dell’Unione Sovietica, di queste misure, trattati e accordi di politica di pace non è rimasto nulla. Un accordo dopo l’altro è stato gettato nella spazzatura da una nuova casta di guerrieri neo-conservatori a Washington. Gli eccezionalisti statunitensi, in quanto rappresentanti dell’unica superpotenza rimasta nel mondo, hanno dimostrato apertamente il loro dominio militare nel tentativo di sostenere le loro pretese egemoniche.

Tuttavia, oggi esistono ancora migliaia di testate nucleari e relativi sistemi di lancio intercontinentali, sia negli Stati Uniti che in Russia. Ma le barriere contro il loro dispiegamento accidentale, i trattati e gli accordi, le verifiche reciproche e tutto ciò che avrebbe dovuto impedire una guerra nucleare non pianificata durante la Guerra Fredda non esistono più. E il forum in cui sono state istituzionalizzate la comprensione reciproca e le misure di costruzione della fiducia, la CSCE, è purtroppo degenerato in uno strumento di propaganda a buon mercato degli Stati Uniti/NATO e dell’UE contro la Russia.

In questa situazione, sono iniziate manovre su larga scala degli Stati Uniti e della NATO vicino al confine russo. Esse stanno alimentando una situazione già tesa a causa della guerra in Ucraina. Allo stesso tempo, gli Stati Uniti hanno recentemente tenuto esercitazioni per il primo utilizzo di armi nucleari e hanno brandito il loro manganello nucleare in tutte le direzioni del mondo. In questo contesto, il ministro degli Esteri russo Lavrov ha lamentato, durante i colloqui a margine del vertice del G20 a Rio de Janeiro, come Washington stia cercando di istigare i suoi alleati in Europa occidentale contro la Russia con il pretesto fittizio di un’aggressione presumibilmente pianificata dalla Russia contro il confine orientale della NATO. Non è “difficile immaginare a cosa potrebbe portare”, ha detto Lavrov.

In origine, il formato degli incontri del G20 non era stato creato per discutere di problemi globali, ma come opportunità per un contatto più stretto tra i Paesi occidentali e il Sud globale. I rappresentanti della Cina hanno espresso la speranza che durante gli incontri non vengano sollevate questioni geopolitiche, ma che al contrario il vertice contribuisca a rafforzare la solidarietà e la cooperazione tra i partecipanti e a dare un contributo positivo alla crescita e allo sviluppo economico globale.

Tuttavia, il padrone di casa, il ministro degli Esteri brasiliano Mauro Vieira, ha dichiarato che l’agenda del vertice è dedicata alle questioni di sicurezza globale e alla riforma delle organizzazioni internazionali che hanno dimostrato la loro inefficienza e incapacità di risolvere i problemi per cui sono state create. L’elenco comprende l’ONU, il FMI e la Banca Mondiale: queste istituzioni si sono adattate ai loro padroni occidentali e sono diventate i loro sacchi di denaro. Lavrov ha ricordato, ad esempio, che il FMI ha trasferito a Kiev un totale di 15,7 miliardi di dollari nel 2023 come parte del programma di finanziamento per l’Ucraina approvato dal G7. Tale cifra ha superato in modo significativo il volume totale dei prestiti semestrali del FMI al resto del mondo.

Oltre a mettere in guardia dalle minacce nucleari che incombono sul mondo, Lavrov ha anche sottolineato che i Paesi occidentali hanno accolto con rabbia la notizia dell’intervista di Putin al giornalista americano Tucker Carlson, perché la verità, così accuratamente nascosta dai media mainstream occidentali, era finalmente venuta a galla e milioni di persone potevano ascoltarla.

Ha spiegato che l’Occidente sta spingendo le sue famigerate “regole” al posto del diritto internazionale. “Una simile politica si basa sul neocolonialismo, sul desiderio di dominare la sfera politica, economica e umanitaria sotto l’apparenza di belle frasi”, ha detto Lavrov. Su istigazione dell’Occidente, si stanno minando le basi del dialogo internazionale e della comunicazione internazionale.

Allo stesso tempo, l’Occidente sta cercando modi criminali per confiscare i beni statali e la proprietà privata di altri Paesi, mentre le aziende statunitensi stanno acquistando terreni agricoli in Ucraina su larga scala. Allo stesso tempo, gli stessi ucraini vengono usati dal presidente Vladimir Zelensky come “materiale di consumo” (carne da cannone).

Previous articleNavalny – canonizzazione di un razzista incorreggibile
Next articleNon buttate via i soldi buoni con quelli cattivi in Ucraina

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

sixty ÷ 15 =