Berlino, Germania (Weltexpress). L’emittente televisiva britannica “Channel 4 News” ha ottenuto il “documento segreto” israeliano in cui 12 dipendenti dell’agenzia umanitaria delle Nazioni Unite UNRWA sono accusati di aver preso parte all’operazione militare di Hamas contro gli occupanti israeliani il 7 ottobre 2023. Prove? – Niente di niente! Ciononostante, l’Occidente ha smesso di sostenere l’UNRWA.

Per la sua importanza e come esempio di giornalismo d’inchiesta anziché di propaganda governativa, discuto in dettaglio il programma di Channel 4 News del 5 febbraio, che mostra anche il dossier segreto israeliano di 6 pagine. Il programma dimostra che il governo israeliano – contrariamente a quanto sostiene – non ha alcuna prova per le sue gravi accuse. Ma in un atto di vera e propria chutzpah, il regime di estrema destra di Netanyahu ha coperto la mancanza di prove con una menzogna ancora più grande, ampliando le sue accuse originali contro i 12 per includere ben 190 lavoratori dell’UNRWA.

Chutzpah è un termine yiddish che è stato a lungo internazionalizzato ed è spesso usato, soprattutto negli Stati Uniti, sia in senso positivo, quando qualcuno agisce con particolare coraggio e sicurezza di sé, sia in senso negativo, per descrivere un’insolita audacia, sfacciataggine o persino impudenza. Un esempio sarcastico dell’interpretazione negativa è quando a un assassino che ha ucciso il padre e la madre viene data l’ultima parola dal giudice prima della sentenza e l’imputato chiede clemenza perché non ha più i genitori.

Persino la migliore Germania di tutti i tempi, il cui governo a semaforo porta il suo umanesimo davanti a sé come un ostensorio in una processione ecclesiastica, ha congelato ulteriori aiuti all’UNRWA sulla base di accuse israeliane e senza un’indagine da parte di un soggetto neutrale, condannando così letteralmente a morte innumerevoli persone a Gaza per non aver fornito aiuti. La rivelazione dell’emittente britannica Channel 4 News spiega anche perché il dossier è stato tenuto così segreto: per evitare che la menzogna omicida di massa che il dossier rappresenta venisse svelata.

Il programma di Channel 4 News inizia con immagini di bambini palestinesi affamati che si affollano davanti a un punto di distribuzione dell’UNRWA dove viene servito del porridge. Il programma è accompagnato da una voce fuori campo esplicativa: “I bambini di Gaza sono affamati e c’è grande preoccupazione che diventino ancora più affamati. L’UNRWA è la principale agenzia delle Nazioni Unite che sostiene i rifugiati palestinesi. I principali Paesi donatori, tra cui il Regno Unito, hanno ritirato i loro finanziamenti 10 giorni fa in seguito alle accuse contenute in un documento israeliano confidenziale ora visto da questo programma (Channel 4 News)”.

“Il documento ripete un’accusa che le Forze di Difesa israeliane hanno fatto molte volte in precedenza, e cioè che [citando dal documento segreto] ‘l’organizzazione terroristica Hamas ha metodicamente e deliberatamente impiantato la sua infrastruttura terroristica in una serie di strutture e istituzioni delle Nazioni Unite'”.

La portavoce di Channel 4 News sottolinea poi: “Ma il documento non fornisce alcuna prova a sostegno della sua nuova ed esplosiva affermazione secondo cui il personale dell’UNRWA sarebbe coinvolto negli attacchi terroristici contro Israele”.

A questo punto, il video mostra nuovamente il documento di 6 pagine con caratteri ebraici. A un certo punto, alcune righe vengono evidenziate e riprodotte in inglese. La traduzione recita: “Dalle informazioni di intelligence, dai documenti e dalle carte d’identità confiscate durante i combattimenti, è ora possibile identificare circa 190 terroristi di Hamas e della Jihad islamica palestinese impiegati come lavoratori dell’UNRWA. Più di 10 dipendenti dell’UNRWA hanno preso parte agli eventi del 7 ottobre”.

Il presentatore del telegiornale afferma poi che Israele ha consegnato il documento ai Paesi donatori solo poco dopo che la Corte internazionale di giustizia dell’Aia ha emesso una sentenza provvisoria sulle accuse di genocidio contro Israele. Viene mostrato uno spezzone del giudice che presiede la Corte internazionale di giustizia dell’Aia (ICJ) che legge la sentenza provvisoria: “Israele deve prendere misure immediate ed efficaci per fornire servizi di base e aiuti umanitari urgentemente necessari a Gaza”.

Il portavoce dell’UNRWA Christopher Gunnes appare poi nell’immagine, esprimendo il suo sdegno per il comportamento dei Paesi donatori occidentali e dicendo: “È assolutamente scioccante che gli stessi donatori che hanno accusato l’UNRWA di strumentalizzare gli aiuti umanitari stiano ora facendo esattamente questo, usando l’UNRWA come un’arma [bloccando gli aiuti]”.

“Quello che stanno facendo è una violazione del diritto umanitario internazionale. È una violazione dei principi internazionali. È una violazione della sentenza della Corte internazionale di giustizia che dice che nessuno deve ostacolare gli aiuti umanitari internazionali. Ma quello che il Regno Unito e altri hanno fatto qui è esattamente questo: stanno ostacolando gli aiuti. E questa è una violazione della Convenzione sul genocidio perché distruggerà la vita di 1,2 milioni di persone che erano già in coda ai punti di distribuzione di cibo dell’UNRWA prima del 7 ottobre. E le code si allungheranno ancora di più. Se la decisione di interrompere gli aiuti non verrà annullata, porterà senza dubbio alla fame di massa”.

A questo punto il presentatore torna a spiegare che, oltre agli aiuti di emergenza, l’UNRWA gestisce anche scuole, ospedali e altri servizi per 5,9 milioni di rifugiati palestinesi in Medio Oriente. Questa agenzia delle Nazioni Unite impiega 13.000 operatori umanitari, i cui nomi sono stati tutti controllati dalla lista dei terroristi dell’ONU, nel maggio dello scorso anno. Sono stati anche controllati e approvati da Israele. L’UNRWA ha immediatamente licenziato i 12 dipendenti citati nel documento e ha avviato un’indagine.

Un taglio al rappresentante dell’Unione Europea per la politica estera, lo spagnolo Josep Borrell, che è a favore della continuazione degli aiuti di emergenza dell’UNRWA a Gaza, spiega: “L’UNRWA svolge un ruolo cruciale. È vero che il governo israeliano è molto critico. Non solo ora, ma per molto tempo. Ma non possiamo penalizzare 2 milioni di persone privandole del sostegno che l’UNRWA fornisce. Chi altro si occuperà di loro?”.

Un altro taglio e la scena successiva mostra il Primo Ministro israeliano, che ha incontrato una delegazione delle Nazioni Unite la scorsa settimana. È visibilmente arrabbiato per i rapporti delle Nazioni Unite sulla catastrofica situazione umanitaria a Gaza, che sono stati citati come prova di genocidio nell’udienza davanti alla Corte Internazionale di Giustizia dell’Aia. A ciò si aggiunge la rabbia per il presunto coinvolgimento di dipendenti dell’UNRWA in atti di terrorismo da parte di Hamas. A un certo punto, Netanyahu parla alla telecamera: “Penso che sia ora che la comunità internazionale e le stesse Nazioni Unite capiscano che la loro fastidiosa missione [UNRWA] deve finire!”.

L’esercito israeliano sta ovviamente già cercando di farlo con i propri mezzi militari. Il monitor mostra ora un fermo immagine di un camion sul ciglio della strada. La sua area di carico è stata squarciata dall’esplosione di una granata e parte del suo carico di scatole e casse è sparso in giro. Il conduttore di Channel 4 News commenta l’immagine dicendo che lo stesso giorno l’UNRWA ha pubblicato delle foto che mostrano un camion carico di cibo a Gaza “colpito dai colpi della marina israeliana”.

Un altro cambio di immagine. Una ripresa aerea mostra un’enorme tendopoli, ovviamente improvvisata.

Si passa a un’intervista video in cui un giornalista di Channel 4 News pone la domanda a Juliette Touma, direttore delle comunicazioni dell’UNRWA: “Sembra che non ci sia fine alle sofferenze a Gaza. Oggi il Segretario Generale delle Nazioni Unite ha annunciato un’indagine sull’UNRWA, che sarà condotta da un ex ministro degli Esteri francese. Se l’UNRWA dovesse chiudere, dovrebbe subentrare un’altra organizzazione. Secondo il diritto internazionale in Cisgiordania e nella Striscia di Gaza, la potenza occupante, cioè Israele, ne è responsabile”. Ma Israele non ha mai onorato questa responsabilità dal 1948.

Taglio di nuovo, questa volta su un’intervista video un po’ più lunga tra un giornalista di Channel 4 News e la direttrice delle comunicazioni dell’UNRWA Juliette Touma:

Domanda: Signora Touma, ha ricevuto da Israele qualche prova a sostegno delle accuse mosse ai 12 lavoratori dell’UNRWA?

Risposta: C’è un’indagine in corso che non è condotta dall’UNRWA. È condotta dal più alto ufficio investigativo delle Nazioni Unite. L’indagine è in corso e farà il suo lavoro per esaminare tutte queste accuse.
Domanda: Quando è stata l’ultima volta che l’UNRWA ha fornito un elenco dei suoi dipendenti o appaltatori a Israele?

Risposta: Ogni anno inviamo ai governi ospitanti un elenco di tutto il personale che lavora con noi nella regione e non abbiamo ricevuto alcuna risposta dal governo israeliano sul contenuto di questo elenco.

Domanda: I 12 nomi contro cui Israele ha mosso accuse erano presenti in questa lista, inviata nel maggio 2023?

Risposta: Presumo di sì.

Domanda: Deve essere stata una sorpresa.

Risposta: È stato uno shock.

Domanda: Come lei sa, di solito il licenziamento non è la prima azione intrapresa quando vengono mosse accuse contro i dipendenti di una grande organizzazione. Di norma, si procede alla sospensione fino al completamento dell’indagine. L’UNRWA stessa ha trovato prove o ha ricevuto prove da altre parti che sembrano indicare che le accuse israeliane sono giustificate?

Risposta: Il Commissario generale dell’UNRWA ha preso questa decisione nell’interesse dell’organizzazione.

Domanda: Mi scusi, ha capito la domanda che le sto ponendo? Per quanto ho capito, sono state fatte delle accuse. Avete quindi licenziato queste persone e posto fine al loro rapporto di lavoro. Avete fatto questo passo, che di solito è un passo importante, dopo che sono state fatte delle accuse, sulla base di prove che potrebbero non essere ancora state portate nel dibattito pubblico, o semplicemente a causa della gravità di queste accuse?

Risposta: Quest’ultima, perché le accuse sono molto gravi e, come ho detto prima, il Commissario generale dell’UNRWA ha agito nell’interesse dell’organizzazione, perché questo (l’affare) comporta rischi enormi, sia per la reputazione dell’organizzazione che per la più grande operazione umanitaria in risposta alla guerra.

Domanda: All’epoca vi siete resi conto che i Paesi donatori avrebbero smesso di finanziare l’UNRWA?

Risposta: Direi che abbiamo informato i nostri maggiori donatori. Credo che nessuno di noi avesse previsto che un gran numero di donatori amici, che sono stati nostri partner per decenni, avrebbero sospeso i finanziamenti così rapidamente. Voglio dire, in poco più di 24 ore, nove dei nostri donatori hanno interrotto i finanziamenti all’UNRWA. Inoltre, credo che nessuno di noi abbia previsto che ciò sarebbe accaduto nel bel mezzo di una guerra e per la più grande organizzazione umanitaria che risponde a una delle crisi umanitarie più complesse e difficili del mondo.

Domanda: Le viene in mente qualcosa di paragonabile – una sospensione dei finanziamenti prima ancora che sia iniziata un’indagine?

Risposta: Non mi viene in mente nulla. La cosa peggiore della sospensione dei finanziamenti è che si perde circa la metà del budget operativo delle agenzie. Stiamo parlando di un’enorme quantità di denaro.

Domanda: Data la sospensione dei finanziamenti da parte di questi grandi donatori, per quanto tempo potrete continuare a operare?

Risposta: Probabilmente saremo costretti a cessare le attività alla fine di febbraio, inizio marzo, se i finanziamenti non saranno ripresi.

Domanda: Ma cosa significa in pratica, visto che le vostre attività sono così estese? Significa che tutto – le scuole e le istituzioni educative, tutte le agenzie – tutto, tutto il lavoro si fermerà?

Risposta della direttrice delle comunicazioni dell’UNRWA Juliette Touma: Saremo costretti a prendere decisioni molto difficili che gli operatori umanitari non dovrebbero essere costretti a prendere.

Fine dell’intervista.

Previous articleCenare come un sultano: assaporate le delizie del ristorante Hasir Ocakbaşı
Next articleIl paradiso del manzo – il Beef Grill Club by Hasir al KaDeWe

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

twenty three − = 13