Gli israeliani otterranno ora la loro guerra contro l’Iran?

Leviathan Stati Uniti d'America. © CC dalla Marina Militare USA

Berlino, Germania (Weltexpress). Gli ultimi annunci di Washington D.C. su imminenti bombardamenti di giorni contro presunti obiettivi iraniani al di fuori dell’Iran metterebbero una nuova miccia sulla polveriera del Medio Oriente, anche se il territorio iraniano fosse risparmiato dagli attacchi statunitensi.

I falchi neoconservatori negli Stati Uniti e in Israele hanno lavorato duramente per questa guerra per molti anni. Ora il loro sogno di una grande guerra da parte dello Stato canaglia USA contro l’Iran sembra essere in procinto di essere realizzato.

Secondo funzionari governativi statunitensi senza nome, i notiziari americani NBC e CBS hanno riferito giovedì sera, ora dell’Europa centrale, che l’amministrazione Biden sta pianificando di lanciare una campagna di bombardamenti della durata di giorni o forse di settimane contro le strutture iraniane in tutto il Medio Oriente nel prossimo futuro. Tuttavia, secondo questi funzionari statunitensi, non ci sono piani per attaccare direttamente l’Iran sul suo territorio.

Gli attacchi statunitensi si concentrerebbero su “obiettivi iraniani” in Siria e in Iraq. Sono intesi come ritorsione e presunta deterrenza o reazione all’attacco di droni del fine settimana, in cui tre soldati statunitensi sarebbero stati uccisi in una base (Torre 22) in Giordania vicino al confine siriano e decine di feriti. Secondo i rapporti, gli attacchi statunitensi potrebbero essere diretti contro navi da guerra iraniane, nonché contro personale iraniano o “milizie sostenute dall’Iran” in Siria e in Iraq.

Se da un lato il Pentagono statunitense sostiene che l’attacco alla base giordana della Torre 22 avrebbe le “impronte digitali” di “Kata’ib Hezbollah”, ovvero le cosiddette brigate Hezbollah come gruppo di resistenza sciita in Iraq, dall’altro lato nessun colpevole è stato ufficialmente e definitivamente nominato da fonti indipendenti. Inoltre, i funzionari statunitensi hanno ammesso di non avere alcuna prova che dietro l’attacco ci sia l’Iran. Secondo quanto riportato dagli Stati Uniti, il drone utilizzato nell’attacco sarebbe stato fabbricato in Iran. Ma se il luogo di fabbricazione dell’arma deve essere usato come giustificazione per un attacco degli Stati Uniti all’Iran, allora Washington sta creando un precedente per gli attacchi russi ai Paesi della NATO che producono i missili, che vengono sparati dall’Ucraina in profondità nella Russia.

Tuttavia, il New York Times ha riconosciuto che – nonostante sia ben noto che Teheran sta armando e finanziando le principali milizie sciite in Iraq – non ci sono prove che Teheran stia “comandando” lì o che possa impartire ordini alle milizie locali di fare questo e astenersi dal fare quello quando si tratta, ad esempio, di attacchi al personale statunitense in Siria o in Iraq.

Il coro di funzionari statunitensi che ora “telegrafano” ai media globali l’entità degli imminenti attacchi contro obiettivi iraniani potrebbe avere uno scopo puramente propagandistico come precursore delle ondate di giorni o settimane di attacchi da parte dei bombardieri statunitensi, ma potrebbe anche essere uno stratagemma propagandistico per intimidire la leadership iraniana a fare marcia indietro.

“La prima cosa che vedrete non sarà l’ultima”. Così il portavoce del Consiglio di Sicurezza Nazionale degli Stati Uniti, John Kirby, ha descritto gli annunciati attacchi statunitensi. Ha aggiunto che l’operazione non sarà “un’azione unica”, come è stato consueto in passato con gli attacchi dinamitardi degli Stati Uniti per intimidire altri Stati.

D’altra parte, anche l’ultimo idiota del governo statunitense dovrebbe rendersi conto che più a lungo continueranno i bombardamenti, maggiori saranno le probabilità che la situazione sfugga al controllo e si trasformi in una grande guerra calda contro l’Iran, che l’amministrazione Biden ha dichiarato di voler evitare a tutti i costi.

Allo stesso tempo, l’ambasciatore iraniano presso le Nazioni Unite Amir Saeid Irwani ha dichiarato che “la Repubblica islamica dell’Iran risponderà con fermezza a qualsiasi attacco al Paese, ai suoi interessi e ai suoi cittadini, con qualsiasi pretesto”.

Gli attacchi annunciati da Washington contro il personale iraniano al di fuori del Paese, ad esempio in Iraq, Siria o Yemen, o gli attacchi statunitensi contro le navi della marina iraniana, si trasformerebbero automaticamente in una grande guerra degli Stati Uniti contro la superpotenza regionale Iran, con conseguenze di vasta portata, soprattutto per il mondo occidentale. Dopotutto, dovrebbe essere chiaro a tutti coloro che sono coinvolti in questa vicenda che una guerra con l’Iran significherebbe la chiusura dello Stretto di Hormuz, attraverso il quale ancora oggi viene trasportata gran parte dell’approvvigionamento energetico dell’Occidente.

La chiusura dello “Stretto di Hormuz” manderebbe in tilt le già malandate economie del mondo occidentale, accompagnata da aumenti estremi dei prezzi e – parallelamente – da aumenti dei tassi d’interesse che porterebbero al fallimento un numero ancora maggiore di banche, fortemente coinvolte nel settore immobiliare a bassi tassi d’interesse. Il deputato repubblicano Thomas Massie, del Kentucky, sembra aver pensato a tutto questo mercoledì 31 gennaio, quando ha minacciato pubblicamente il Presidente degli Stati Uniti Biden e il suo regime di avviare una procedura di impeachment contro Biden se avesse iniziato una guerra contro l’Iran. Massie ha pubblicato su X (ex Twitter) un video del 2007 in cui l’allora senatore Joe Biden minacciava l’allora presidente degli Stati Uniti George W. Bush di impeachment se avesse iniziato una guerra contro l’Iran senza l’approvazione del Congresso.

“Ho detto chiaramente al Presidente (Bush) che mi occuperò dell’impeachment se porterà questa nazione in guerra contro l’Iran senza il consenso del Congresso”, aveva detto Biden alla telecamera all’epoca.

Nel suo post, Massie ha scritto: “Nel 2007, il senatore Biden ha detto al Presidente (George W. Bush) che lo avrebbe messo sotto impeachment per aver intrapreso una guerra con l’Iran senza l’approvazione del Congresso. Presidente Biden, lo consideri un avvertimento”.

In mezzo alle tensioni per una possibile guerra imminente contro l’Iran, è emerso un altro commento contro Biden, questa volta di Biden contro Trump.

Il 6 gennaio 2020, pochi giorni dopo che Trump aveva dato l’ordine di uccidere il generale iraniano Qassem Soleimani con un attacco di droni durante la sua visita a Baghdad, Joe Biden ha messo in guardia il presidente degli Stati Uniti Donald Trump da un’escalation contro l’Iran:

“Siamo chiari: Donald Trump non ha l’autorità di portarci in guerra contro l’Iran senza il consenso del Congresso. Un presidente non dovrebbe mai portare questa nazione in guerra senza il consenso informato del popolo americano”.

Poiché Biden aveva già ordinato attacchi aerei contro gli Houthi nello Yemen senza l’approvazione del Congresso, era già stato criticato da alcuni membri del Congresso. Ma ha comunque continuato gli attacchi contro il Paese. Siamo di fronte a “tempi interessanti”!

Previous articleQuali altre atrocità? Lo squadrone della morte israeliano uccide i pazienti nei letti d’ospedale
Next articleDeutschlandfunk è complice del genocidio a Gaza?

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

twenty two − sixteen =